Ticino, 20 giugno 2019

Rissa sul treno tra Bellinzona e Biasca, almeno un ferito. Passeggeri in fuga nella prima classe

È finita in rissa una corsa notturna del Tilo tra Bellinzona e Biasca, poco dopo la mezzanotte tra sabato e domenica. Come riferisce ticinonline, alcuni giovani sono venuti alle mani arrivando a picchiarsi con delle bottiglie, questo a pochi minuti dall'arrivo al capolinea.

"Un ragazzo di colore - racconta uno dei passeggeri a ticinonline - ha iniziato a correre per il corridoio, mentre un altro lo rincorreva con una bottiglia di vetro nella mano. Poco dopo la bottiglia è stata rotta sul viso del primo ragazzo, che è tornato indietro con il viso sanguinante, urlando".
In seguito la situazione è degenerata ulteriormente con l'arrivo di altri due giovani. "A quel punto - spiega il viaggiatore - sono intervenuti altri due giovani di colore per cercare di riportare la calma.

Ma è volata un'altra bottiglia che per poco non ha colpito dei passeggeri". "Uno dei ragazzi, per giunta, ha iniziato ad urlare «Noi siamo negri, noi siamo negri» e «vi ammazzo tutti», non si capisce rivolto a chi. Abbiamo avuto paura".

Per proteggersi dai giovani violenti i passeggeri si sono rifugiati nella prima classe. "Siamo fuggiti tutti in prima classe, cercando di tenere la porta chiusa per proteggerci" racconta sempre il viaggiatore.
Pochi minuti dopo l'arrivo a Biasca. "A quel punto qualcuno è riuscito a chiamare la polizia, che è intervenuta poco dopo".
La polizia da parte sua conferma una lite tra più persone con lesioni semplici (ferite leggere alla fronte) per uno dei partecipanti. Accertamenti sono in corso per ricostruire la dinamica dei fatti.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo condannato a nove anni di carcere e espulsione per stupro (dopo aver accumulato undici condanne)

Un richiedente l'asilo di 32 anni è stato condannato a 9 anni di carcere per stupro, coercizione sessuale, lesioni personali e violazione di domicilio dal Trib...
16.07.2019
Svizzera

Svezia ormai troppo pericolosa e la Volvo pensa di andarsene, "non riusciamo a attirare manodopera straniera"

L'amministratore delegato di Volvo avverte che la società sta pensando di trasferire il suo quartier generale fuori dalla Svezia in futuro, in parte a causa di...
15.07.2019
Mondo

Richiedente l'asilo minorenne colpisce la sua insegnante rompendogli la mascella, dopo due giorni di carcere di nuovo libero

Un richiedente l'asilo siriano di 14 anni, residente nel comune argoviese di Möriken-Wildegg, ha aggredito la sua insegnante perchè questo voleva controll...
15.07.2019
Svizzera

Il finto cuoco di Berlusconi è potuto rimanere due anni in Ticino senza avere il permesso

Il finto cuoco di Silvio Berlusconi non ha mai ricevuto alcun permesso per stabilirsi in Ticino. Nel 2017 aveva chiesto il rilascio del permesso B, ma questi gli era stat...
14.07.2019
Ticino