Mondo, 16 giugno 2019

Londra troppo pericolosa, i somali rispediscono figli in Patria

A Londra i giovani somali vengono sempre più rimandati in Somalia dai loro genitori , perchè quest'ultimi ritengono il loro paese d'origine, che si sta riprendendo da una serie di attacchi terroristici, più sicuro della capitale britannica. In causa l'aumento della criminalità e delle aggressioni all'arma bianca (vedi articoli correlati) e la preoccupazione che la polizia non possa proteggerli dai crimini con armi bianche.

Sul fenomeno il giornale britannico "The Guardian" ha scritto un lungo articolo, interpellando rappresentanti della comunità somala nel nord di Londra, i quali dicono che centinaia di giovani sono già stati imbarcati su dei voli aerei per la Somalia ed il Kenya a a causa della crescente inquietudine sulle gang della droga e sulle linee di contea, i network criminali che utilizzano i bambini per trasportare droga dalle città alle province.

In una serie di interviste, le madri somale che erano giunte a Londra dopo essere fuggite dal loro Paese durante la guerra civile degli anni Novanta hanno confessato che molti dei loro figli hanno chiesto di lasciare il Regno Unito, a causa delle gang della droga e del pericolo di violenza.

Rakhia Ismail, vicesindaco di Islington, ha affermato: «Mandare via questi ragazzi è diventato l’unico modo con il quale essi possono essere più al sicuro. Questo problema della sicurezza è stato ripetutamente sollevato dalla comunità, ma nessuno le ha prestato ascolto. Così, molti bambini sono stati mandati all’estero. Due settimane fa, c’è stato un accoltellamento, ed un bambino è stato riportato a casa soltanto due giorni più tardi».

Le rivelazioni seguono una settimana di acceso dibattito sulle cause e sulle potenziali soluzioni al problema epidemico dei crimini con armi bianche in Gran Bretagna. Diciassette persone sono morte, a seguito di attacchi, a Londra soltanto a partire dall’inizio del 2019.

Gli alti livelli di violenza che alcune parti della società britannica stanno affrontando sono evidenti nelle testimonianze della numerosa comunità somala di Islington. I suoi rappresentanti sostengono che il 50-70% di loro è stato direttamente coinvolto dalle linee di contea e dai crimini con armi bianche.

Sadia Ali, tesoriere del Forum somalo di Islington, e fondatore dell'associazione a difesa delle minoranze “Minority Matters“, ha detto: «Centinaia di giovani sono stati portati in Somalia, in Terra dei Somali ed in Kenya, alcuni condotti sulla via delle aree rurali. I genitori sentono di non avere scelta, se vogliono che i loro figli siano al sicuro».

Ali, una madre di sette figli, ha mandato suo figlio 15enne in Somalia per proteggerlo dalle gang, e molte delle sue amiche ora hanno i figli in due continenti diversi. Un altro 15enne è stato recentemente mandato in Somalia dopo che un suo amico era stato accoltellato a morte ad Islington e dopo che gli era stato detto “Tu sarai il prossimo”.

Recentemente, la Somalia ha subito un discreto numero di attacchi terroristici. L’esplosione di una bomba su una macchina nella capitale, Mogadiscio, ha ucciso sette persone e ne ha ferite diverse altre nel corso della giornata. Esso è venuto in seguito ad un altro attacco, verificatosi la settimana prima, che aveva ucciso 29 persone.

Viene poi citata una madre somala del nord di Londra è volata a Mombasa, in Kenya, per dissuadere suo figlio 19enne dal ritornare nel Regno Unito, dopo che le gang gli avevano chiesto di fare ritorno: "Io sono davvero terrorizzata su cosa le gang potrebbero fargli se lui tornasse a casa".

Guarda anche 

Petroliera fuori controllo al largo dell'Inghilterra dopo che sono stati trovati dei clandestini a bordo

Una petroliera battente bandiera libanese sta navigando erraticamente al largo dell'Inghilterra da domenica mattina dopo che l'equipaggio ha lasciato i comandi a ...
26.10.2020
Mondo

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

In migliaia a Parigi per ricordare il docente ucciso da un rifugiato musulmano

Migliaia di persone si sono riunite a Parigi domenica pomeriggio per una manifestazione di solidarietà per il brutale assassinio di un insegnante per mano di un ri...
19.10.2020
Mondo

“Era completamente ubriaca: non sa cosa sia successo”: accusa di stupro e caos per Robinho

RIO DE JANEIRO (Brasile) – Una settimana fa si parlava di Robinho e del suo ritorno al Santos. 7 giorni dopo il brasiliano è tornato nell’occhio del ci...
18.10.2020
Sport