Svizzera, 31 maggio 2019

Tre morti in una presa d'ostaggi a Zurigo

Due donne e un uomo sono rimaste uccise in una presa d'ostaggi a Zurigo venerdì mattina. La tragedia si è verificata nel distretto di Friesenberg. Una delle due donne prese in ostaggio ha chiamato la polizia per chiedere aiuto poco dopo le 5 del mattino, riferisce la polizia municipale zurighese. Allo stesso tempo, un abitante del edificio accanto ha avvertito la polizia dopo aver sentito grida e richieste di aiuto.

Le prime forze di intervento della polizia municipale sono giunte sul posto poco prima delle 5:30. Immediatamente, il sequestratore - uno svizzero di 60 anni - si è rivolto ai poliziotti dalla finestra. Ha detto loro che aveva preso due donne in ostaggio e ha minacciato di ucciderle se la polizia non si fosse ritirata immediatamente.

Successivamente, i rinforzi della polizia - comunali e cantonali - sono arrivati ​​sulla scena, compresa l'unità speciale di intervento "Scorpione" e un gruppo di negoziatori della polizia. Il quartiere è stato chiuso. I negoziati sono stati avviati e mantenuti con il sequestratore, ha detto a Keystone-ATS un portavoce della polizia municipale.

Durante i negoziati, il sequestratore ha annunciato la sua disponibilità a arrendersi alle 08:30, ha detto il portavoce. Durante l'ultimo contatto, l'uomo ha affermato si sarebbe arreso e che sarebbe uscito dieci minuti dopo. Invece, poco dopo, sono stati sparati diversi colpi nell'appartamento. L'unità speciale d'intervento è allora immediatamente entrata in azione.

La polizia ha trovato sul posto tre persone gravemente ferite nell'appartamento. Sono decedute tutti e tre, nonostante i tentativi di rianimazione. I dettagli sulle circostanze che hanno portato alla presa d'ostaggi non sono ancora resi noti.

Guarda anche 

Detenuto pericoloso fugge da una clinica zurighese

Un detenuto ritenuto pericoloso è fuggito da una clinica a Winterthur in cui era ricoverato. Secondo quanto riferito dalla polizia cantonale di Zurigo, citata dal ...
02.08.2020
Svizzera

Tanto coraggio e una gemma: una vittoria fondamentale per un Lugano che deve ancora correre

LUGANO – Dopo 4 pareggi consecutivi, di cui alcuni rocamboleschi e da mangiarsi le mani, il Lugano ieri sera a Cornaredo è tornato a conquistare quei 3 impor...
23.07.2020
Sport

Chiede 500 miliardi di danni alla vicina accusata di averlo ustionato

Accusa la vicina di averlo ustionato con dell'acqua bollente e le chiede 500 miliardi di franchi come riparazione. Il 19 giugno 2019, a Männedorf, nel canton Zur...
23.07.2020
Svizzera

Tra rinvii, U21 e COVID-19: il calcio svizzero e le sue contraddizioni

LUGANO – Ripartire o non ripartire col calcio giocato. Era questo uno dei tanti interrogativi che nel nostro Paese in molti si ponevano in piena pandemia coronaviru...
16.07.2020
Sport