Ticino, 20 maggio 2019

CimaNorma, un dolce e tradizionale sguardo al futuro

Galleria fotografica

Da sinistra: Marino Venturini, Marie-José Venturini, Abouzar Rahmani
Lunedì, 20 maggio 2019, alle ore 10.30 presso la sala Vinoteca del Ristorante Ciani a Lugano, le società Cima Norma SA e Domani Food SA si sono riunite davanti alla stampa per annunciare l’acquisizione dello storico marchio del cioccolato CimaNorma della Valle di Blenio da parte della Domani Food SA.
 
Per conto di Cima Norma SA ha parlato il Sig. Marino Venturini (azionista principale della società, e fino ad oggi proprietario del marchio CimaNorma), accompagnato da sua moglie Marie-José (presidente di Cima Norma SA). Il Sig. Venturini si è occupato del rilancio di questo marchio a partire dal 2017, con la realizzazione di due edizioni speciali «CimaNorma Collection», che hanno riscosso enorme successo e ricevuto il riconoscimento “Oro” di Swiss Print Award 2018.
Ciò che mancava a questo progetto era una produzione dedicata del cioccolato, fino ad oggi realizzata da un’azienda terza.
 
L’incontro con Abouzar Rahmani nel 2018 ha permesso di realizzare questo sogno.
 
Fondatore e CEO di Domani Food SA, un “Swiss-Mediterranean Food Group” che ha nel suo portfolio snack salutari di alta qualità e cioccolato, Abozuar Rahmani è un imprenditore di lunga data che proviene da una famiglia alla quarta generazione nel settore agroalimentare, già attivo in Europa, Dubai, da alcuni anni approdato in Svizzera.
L’intento di Rahmani è quello creare prodotti innovativi e competitivi mantenendo un legame con la tradizione.
Il connubio si realizza perfettamente nell’incontro di queste due realtà. Domani Food SA ha acquisito il marchio CimaNorma ed inizierà la produzione del cioccolato nel suo stabilimento di Rancate.
 
L’accordo prevede anche una rivalutazione dello storico edificio Cima Norma a Dangio, che verrà realizzata in collaborazione e prevede la ristrutturazione della facciata principale, la creazione di un museo del cioccolato e di un atelier.

"Il nostro progetto oggi è di riavviare la produzione del cioccolato Cima Norma, nel rispetto delle ricette base e degli ingredienti originali, nel nostro stabilimento di Rancate.
 
Anche il vecchio stabilimento di Dangio però rientra nei piani condivisi con Cima Norma: ci siamo impegnati con il Condominio al fine di raggiungere un accordo per la valorizzazione dell’edificio storico, e dare così nuova vita alla Valle che lo ospita.
Il progetto prevede un museo del cioccolato, un atelier e la ristrutturazione della facciata principale." Abouzar Rahmani




Galleria fotografica

Guarda anche 

“Se Renzetti se ne va il calcio ticinese ci perde”

LUGANO - Il responsabile tecnico della federazione ticinese Livio Bordoli non ha dubbi: per il nostro calcio la prossima potrebbe essere la stagione della svolta. H...
24.05.2021
Sport

"Il contributo dei lavoratori alle Commissioni paritetiche sia ridotto di metà"

Il contributo versato dai lavoratori alle Commissioni paritetiche (Cp), oggi pari all'1% del salario, dovrebbe essere dimezzato sostiene l' organizzazione per il ...
22.01.2021
Ticino

Diritto di voto agli stranieri e reddito di base, il programma "rosso" dei giovani verdi ticinesi

"Siamo persuasi dall’idea che l’economia capitalista abbia creato disuguaglianze insostenibili, accentuando sempre di più il divario tra super ric...
13.01.2021
Ticino

Abitare nel 2020: i nuovi modelli

Brülhart & Partners SA - L’emergenza sanitaria degli ultimi mesi ci ha costretti a trascorrere più tempo in casa per proteggere la nostra salut...
20.11.2020
Svizzera