Sport, 20 maggio 2019

Una Russia marziana, la Svizzera deve restare ancorata a terra

Impressionante la lezione di hockey rifilata dalla Red Machine alla nostra Nazionale che ci ha comunque provato

BRATISLAVA (Slovacchia) – Un famoso luogo comune dell’hockey recita che la Russia è capace del meglio come del peggio, dipende da come la Red Machine si sveglia la mattina. Ecco, evidentemente la sveglia ieri – così come in tutta la prima parte del Mondiale – deve essere suonata in maniera precisa e puntuale, visto quanto mostrato ieri sul ghiaccio di Bratislava da Ovechkin e compagni. Il 3-0 rifilato alla truppa di Fischer fotografa appieno la differenza di forza e di qualità tra le due nazionali.

Questa Russia sembra essere giunta a Bratislava direttamente da un altro pianeta (gioca come nessuna, tutti sembrano avere la calamita sul bastone e giocano con sapienza e visione tattica da far paura), la Svizzera, seppur volenterosa e grintosa, è invece un’ottima squadra della Terra. E proprio ancorata a terra deve
restare la nostra Nazionale nonostante il KO di ieri sera: testa, grinta e tanta volontà, il solito bel gioco propositivo e offensivo, devono continuare a essere il mantra di questo vero gruppo che giorno dopo giorno ha trovato alcuni equilibri e un feeling da fare invidia.

Combattere e lottare alla pari con questa Russia è quasi impossibile, ma non è detto che con un po’ di fortuna, sperando anche in una giornata storta degli ex sovietici, non sia possibile batterli nel prosieguo di questo Mondiale. In ogni caso, oggi giungerà a Bratislava Niederreiter che verrà presto inserito da Fischer nel suo scacchiere tattico, ma il primo pensiero deve essere rivolto alla sfida di domani alla Cechia: ottenere una vittoria potrebbe significare molto, non solo per l’umore, ma anche per la classifica e per l’accoppiamento del quarto di finale.

Guarda anche 

Lugano-Ambrì, un derby da brivido tra infortuni e arbitraggi da paura

LUGANO – Ci risiamo. Rieccoci. Per la sesta volta in stagione, questa sera, Lugano e Ambrì si ritroveranno una di fronte all’altra, questa volta all...
27.01.2022
Sport

Un "freedom day" svizzero in febbraio?

Ci sarà un "freedom day" in Svizzera nel mese di febbraio? Sarebbe perlomeno questa l'intezione dell'l'Unione svizzera dell'artigianat...
24.01.2022
Svizzera

Mercato, dove andrà Alessandro Chiesa? Ambrì Piotta e Ajoie in pole position

LUGANO - Quale futuro per Alessandro Chiesa, ultimo bianconero rimasto della squadra che vinse nel 2006 il settimo titolo, il più bello e rocamboles...
24.01.2022
Sport

“I Giochi sono il massimo. Orgogliosa di partecipare”

LUGANO - Nicole Bullo è un vero monumento dell’hockey ticinese e svizzero, protagonista indiscussa in patria con le Ladies Lugano (otto titoli pi&u...
24.01.2022
Sport