Sport, 16 maggio 2019

Granitica dietro, cinica e cattiva davanti: è una Svizzera che incanta

Quattro partite, quattro vittorie, 12 punti, 20 gol fatti e 2 subiti: la Nazionale macina gioco e difende in maniera sempre più convincente

BRATISLAVA (Slovacchia) – Un quarto di finale già conquistato con largo anticipo, un atteggiamento sul ghiaccio da grande squadra che domina e impone il suo gioco, una difesa che chiude praticamente ogni varco e un attacco che incanta. È vero, la Svizzera non ha ancora incrociato le big del suo girone, ovvero Svezia, Cechia e Russia, ma resta il fatto che la squadra di Fischer sta mostrando una maturità già palesata l’anno scorso a Copenaghen, una quadratura difensiva da far invidia e un senso tattico da squadra esperta.

I dati e le statistiche non dicono tutto, ma spesso ci “azzeccano”. 12 punti conquistati, 2 reti incassate – entrambe da Genoni – in 240’ (miglior difesa fin qui del torneo), 20 gol realizzati, potendo contare sui 7 punti di Hirschier, sui 6 di Fiala e Praplan e sulle 3 reti in 4 partite di Gregory Hofmann. Davvero niente male per una Nazionale che in passato ci aveva abituato a stentare contro le piccole. Certo il 9-0 contro l’Italia sposta gli equilibri, ma 9 reti vanno comunque fatte…

Ora si avvicina la fase calda e il weekend in arrivo, con le sfide contro la Svezia e la temibilissima Russia, potrebbero darci una chiara indicazione le aspettative e delle prospettive future di una squadra che, piena di giovani rampanti, fin qui ha incantato, mettendo in mostra doti da gruppo scafato ed esperto… insomma, i progressi tanto decantati tre anni fa, sembrano davvero essere arrivati.

Guarda anche 

Impara dagli errori e dalla malasorte: che Lugano contro il Berna!

LUGANO - Se il mercato langue (quando arriva il nuovo attaccante straniero? si attenderanno i tagli in NHL?), la squadra bianconera getta il cuore olt...
26.09.2021
Sport

HCL, piove sul bagnato: out anche Josephs

LUGANO – Dopo Carr ora anche Troy Josephs: l’attaccante americano sarà assente dalle competizioni per le prossime 4-6 settimane, dopo la frattura al ma...
23.09.2021
Sport

Monsieur Sébastien Reuille: l’uomo giusto al posto giusto

BIASCA - Tredici anni al servizio del Lugano e spesso da protagonista. Una medaglia d`oro al collo nel 2006 al fianco degli indimenticabili Nummelin, Peltonen e Metr...
21.09.2021
Sport

Lugano, il sogno Galchenyuk...

LUGANO - Un valido collega ticinese, l' indomani di Lugano-Bienne (3-5), ha scritto senza mezzi termini che il direttore sportivo bianconero Domenichelli dovrebb...
20.09.2021
Sport