Svizzera, 09 maggio 2019

Rifugiata aggredisce violentemente il suo insegnante, evitato il peggio grazie all'intervento dei compagni

Il giovedì prima delle vacanze di Pasqua, un insegnante 50enne delle scuole medie di Jolimont, nel canton Friburgo, è stato violentemente aggredito da una giovane rifugiata a cui insegnava, riporta “La Libertè”. All'adolescente in questione, nel frattempo sospesa per motivi disciplinari, è stato negato l'accesso alla classe, il che è stato sufficiente a renderla violenta. La ragazza ha dapprima colpito il docente fino a farlo cadere a terra, e una volta a terra lo ha tempestato di colpi. L'uomo ha riportato ferite alla testa, ma la sua vita non è
pericolo.

I compagni della ragazza sono intervenuti per interrompere l'aggressione, evitando conseguenze peggiori per l'uomo. Secondo quanto riferito dal giornale romando, l'accaduto ha scioccato tutti i presenti per la violenza dimostrata dalla giovane rifugiata, che risiede in un edificio per rifugiati minorenni non accompagnati. Se le lesioni fisiche subite dall'insegnante sono risultate leggeri, quelle psicologiche sembrano essere ben più gravi. L'uomo infatti non ha ancora potuto ripresentarsi al lavoro dal giorno in cui è stato aggredito.

Guarda anche 

Ciao Svizzera: Shaqiri saluta la Nazionale

LUGANO – La notizia non giunge del tutto inaspettata, ma ora è diventata ufficiale: dopo 14 anni, Xherdan Shaqiri non vestirà più la maglia del...
15.07.2024
Sport

Bologna, terra rossocrociata: “Città ideale per crescere”

BOLOGNA (Italia) - Alessandro Gallo scrive dal 1987 per il Resto del Carlino di Bologna, uno dei principali quotidiani dell’ Emilia Romagna. Bolognese, è...
08.07.2024
Sport

Un sogno che si infrange ai rigori, ma la Svizzera è da applausi

DÜSSELDORF (Germania) – Ci avevamo creduto, avevamo sognato, avevamo visto Dortmund a portata di mano, ma il nostro bellissimo sogno è svanito ieri sera...
07.07.2024
Sport

Rigori, maledetti rigori: la Svizzera eliminata dall’Inghilterra

DÜSSELDORF (Germania) – Avevamo ancora negli occhi la vittoria ottenuta contro l’Italia nell’ottavo di finale, avevamo ancora nelle orecchie le par...
06.07.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto