Svizzera, 06 maggio 2019

Sospeso per le troppe assenze, un liceale fa causa al suo istituto

Un liceale vodese che ha accumulato centinaia di ore di assenze nel corso degli anni ha fatto causa al suo istituto per averlo sospeso per l'ennesima volta. Il 19enne nel solo anno scolastico 2017-2018, ha collezionato 294 assenze, di cui 124 non giustificate, è arrivato in ritardo 43 volte ed è stato sospeso ben tre volte. Quello di “bigiare” è un vizio che il ragazzo ha da quando ha iniziatio a frequentare un liceo del canton Vaud nell'agosto del 2016. Convocazioni in direzione, avvertimenti verbali e avvisi scritti: nulla è servito a fargli cambiare atteggiamento. E le sue spiegazioni per giustificare queste centinaia di assenze sono spesso nè verificabili e nemmeno credibili. Inoltre, il dossier dello studente, che è stato nonostante tutto promosso al secondo e terzo anno, parla anche di un comportamento insolente nei confronti degli insegnanti.

Come riferisce "20 minutes", i mesi sono passati, ma nulla è cambiato: anche una volta entrato nel terzo anno lo studente ha continuato a frequentare le lezioni in modo irregolare, accumulando assenze. Eppure la legge è chiara: gli studenti sono tenuti a frequentare le lezioni e partecipare alle attività. Le istituzioni mantengono un registro delle assenze e degli arrivi in ​​ritardo e la direzione può sanzionare chi viola queste regole. Ed è ciò che ha fatto, ancora una volta, la direzione dell'istituto che frequenta il ragazzo, sospendendolo per un mese.

Ma questa volta il giovane non ha accettato la punizione. Sostenuto da sua madre, che ha assunto un avvocato, lo studente ha fatto causa al suo liceo, chiedendo fra le altre cose un effetto sospensivo. Invano, in quanto i giudici del tribunale cantonale di Vaud hanno dato torto al 19enne. Il quale, oltre ad aver perso la causa, dovrà pagare 800 franchi di spese processuali.  

Guarda anche 

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera

Si presenta all'incontro a luci rosse con la figlia di 3 anni, ma ad aspettarlo c'è la polizia

La polizia cantonale di Zurigo ha arrestato un uomo di 44 anni per sospetti atti di pedofilia. L'uomo, residente nel canton Argovia, è sospettato, tra le altre...
20.05.2019
Svizzera

Una Russia marziana, la Svizzera deve restare ancorata a terra

BRATISLAVA (Slovacchia) – Un famoso luogo comune dell’hockey recita che la Russia è capace del meglio come del peggio, dipende da come la Red Machine s...
20.05.2019
Sport