Sport, 06 maggio 2019

Largo al Lugano: questa è una vera squadra

I bianconeri, battendo il Lucerna per 1-0, non solo hanno centrato il 10° risultato utile consecutivo, non solo sono saliti al terzo posto in solitaria in classifica, ma hanno soprattutto dato prova di grande maturità

LUGANO – Non era certo facile. Non era certo un passeggiata. Vuoi per l’avversario – il Lucerna è e resta una buona squadra –, vuoi per la pressione che si sta creando intorno alla formazione di Celestini – non perdere da più di 2 mesi può anche farti montare la testa, così come la parola Europa – e vuoi anche per il vento, forte, pungente e fastidioso che ieri ha sferzato sul cielo di Cornaredo. Ma Gerndt e compagni non si sono fatti certo impressionare e ieri hanno mostrato a tutti perché possono davvero sognare di arrivare in Europa League.

Certo, si può sempre migliorare e gli ultimi 10’, vissuti in apnea anche a causa degli infortuni che hanno costretto Celestini ad abbassare il baricentro della sua formazione, e quei contropiedi sciupati devono essere messi da parte, ma è innegabile che questo Lugano sia una vera squadra. Guardare come lo stesso Gerndt, autore del gol partita, si sacrifichi a tornare quasi a fare il terzino in fase di copertura, osservare come chiunque entri dalla panchina sia pronto a dare tutto ciò che ha in corpo, sottolineare come la squadra riesca a essere compatta, stretta tra le linee e corta tra i reparti… fa davvero bene agli occhi e dimostra quanto questo Lugano sia cresciuto dall’arrivo di Celestini in poi.

Ora sognare non costa nulla: se non lo fa il Lugano che è terzo in classifica, chi può in fondo sognare l’approdo in Europa? A condizione che dalla trasferta di Thun tutto questo sacrificio, tutta questa propensione positiva non venga meno. Perché se anche Baumann riesce a dare fiducia a una squadra guidata in campo con grande maestria dal trio difensivo Maric-Sulmoni-Daprelà e schermata da un centrocampo in cui Sabbatini fa la parte del leone… allora davvero sognare non costa nulla.

La classifica resta cortissima, lo Xamax corre come non mai e il distacco dal penultimo posto è sempre ridotto, ma diciamolo chiaramente: questo Lugano meriterebbe davvero di qualificarsi direttamente per la fase a gironi della prossima Europa League per quanto dimostrato fin qui in stagione.

Guarda anche 

Lugano, jackpot sprecato o punto guadagnato?

NEUCHÂTEL – Troppo brutto per sperare di vincere, troppo fortunato per incappare in un KO che avrebbe potuto avere ripercussioni importanti sulla classifica, ...
23.05.2019
Sport

DS e mercato in sospeso: c’è ansia tra i tifosi!

LUGANO – Non è momento semplice da decifrare quello che stanno vivendo i tifosi del Lugano, alle prese con una situazione societaria e sportiva davvero unica...
23.05.2019
Sport

SONDAGGIO – Mercato fermo, DS disperso: Lugano, che fai?

LUGANO – Dopo gli arrivi di Reto Suri, Dominic Lammer, Sandro Zangger e di Sandro Zurkirchen – che hanno fatto da contraltare alle partenze di Elvis Merzlikin...
21.05.2019
Sport

“Mi volete cedere? Datemi 51'000'000 o resto a giocare a golf”

MADRID (Spagna) – Fischiato lungo quasi tutta la stagione dai suoi tifosi, nonostante sia il secondo marcatore del club, messo in panchina senza toccare mai il terr...
21.05.2019
Sport