Mondo, 28 aprile 2019

"I giovani che protestano per il clima non hanno nessuna idea di ciò che stanno facendo"

Le recenti proteste in Gran Bretagna contro il cambiamento climatico avrebbero interrotto il viaggio di oltre 500'000 persone, oltre a costare alle imprese londinesi 12 milioni di sterline al giorno. In precedenza, gli scioperi dei giovani a favore del clima, avviati su spinta dell'adolescente svedese Greta Thurnberg e tacitamente sostenuti dal governo britannico, hanno visto più di 1,4 milioni di studenti nelle strade in una giornata scolastica. Data la portata di queste proteste, si potrebbe sperare che i manifestanti capissero ciò che stavano protestando. Purtroppo, questo non è il caso. La ricerca sul riscaldamento globale è un campo estremamente complesso, ed è improbabile che qualsiasi persona comune, per non parlare di un minorenne, possa avere una reale comprensione del fenomeno. Né sarebbero in grado di apprezzare l'incertezza che caratterizza la nostra comprensione di come l'attività umana di oggi influenzerà lo stato futuro del clima terrestre.

Da adolescente, capisco perfettamente la mentalità dei giovani. Siamo predisposti a saltare prima di guardare. Questo è confermato dalle neuroscienze. Le nostre cortecce prefrontali, che regolano (tra le altre cose) il processo decisionale, la pianificazione, l'auto-consapevolezza e l'inibizione, non si sviluppano completamente fino a quando siamo a metà tra i venti e i trent'anni. Fino ad allora, abbiamo difficoltà ad analizzare le conseguenze a lungo termine delle nostre azioni. Il risultato è che molti giovani tendono a comportamenti spericolati. Le nostre decisioni tendono ad essere radicate non nell'analisi scientifica ma nella reazione emotiva e tendiamo a vedere la protesta non come uno strumento per il cambiamento sociale o legislativo, ma semplicemente come una possibilità per sconvolgere lo status quo. Questo è particolarmente vero per il movimento dei giovani che protestano per il clima, che per primo ha preso ispirazione da Thunberg, una studente che ora ha 16 anni. Il livello basso di sofisticazione in mostra a tali incontri è tale che molti partecipanti apparentemente staranno bene solo quando per legge sarà vietato volare, guidare, avere caldaie a gas o anche allevare mucche.

In effetti, tali proteste vengono spesso presentate ai giovani come eventi sociali. Se vi è una garanzia che voi, da giovani, sarete catapultati in un luogo pubblico per un buon paio d'ore con un gruppo di vostri coetanei, e avrete una licenza sociale per sfogarvi a grandi volumi, perché non andare a causare qualche problema ? Lo spettacolo degli enti educativi sponsorizzati dallo stato che incoraggiano i bambini a partecipare alle proteste sul clima aggrava ulteriormente il problema, poiché sostanzialmente sposta il costo delle lezioni perse sul contribuente.

Se le scuole volessero veramente incoraggiare i loro studenti a impegnarsi in modo produttivo con la questione del cambiamento climatico, dovrebbero semplicemente esporre gli allievi a una gamma completa di letteratura pertinente. Ma questo non sarebbe così eccitante come la protesta di strada. Inoltre, alcune delle ambiguità nella letteratura scientifica sul tema potrebbero anche dare agli studenti motivi di riflessione.

Non si può negare che il mondo si sta surriscaldando. E la maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che l'attività umana svolge un ruolo importante in questo fenomeno. Ma alla fine, le teorie sui cambiamenti climatici antropogenici poggiano sulla correlazione tra le concentrazioni atmosferiche di gas serra e il riscaldamento planetario osservato (così come altre variabili macro). E mentre molti dei meccanismi sono ben studiati e compresi, la correlazione non è causalità. E quindi rimane la possibilità che i nostri vasti sforzi per controllare il riscaldamento globale possano causare conseguenze indesiderate.

In ogni caso, la stragrande maggioranza della letteratura sul tema richiede che i lettori abbiano conoscenze di base in scienze ambientali, statistica, meccanica dei fluidi e termodinamica. Alcune forme di letteratura presentano la scienza disponibile in modo accessibile. Ma la loro presentazione della scienza è influenzata da considerazioni di parte. I mezzi di comunicazione di sinistra vedono l'opportunità di esagerare una minaccia per la sicurezza della razza umana, le cui soluzioni servirebbero a paralizzare il capitalismo attraverso la regolamentazione e la deindustrializzazione volontaria. Dall'altra parte della medaglia, i media di destra, vedendo il problema dal punto di vista opposto, danno la priorità agli scettici sul cambiamento climatico (o persino ai negazionisti).

La mia opinione è che è certamente possibile che il riscaldamento globale sia causato dagli esseri umani e, in tal caso, dovremmo fare qualcosa al riguardo. Ma dato lo stato inconcludente della scienza sul clima oggi, non possiamo esserne certi; e, fino a quando non sapremo assolutamente la verità, dovremmo evitare qualsiasi azione drastica. Incoraggiare le folle di giovani a unirsi al movimento per la protesta climatica aggiunge solo uno spirito di panico sociale a un problema che è già estremamente intricato.

La prossima volta che vedrete un gruppo di giovani manifestanti del clima in giro, che si incollano alle metropolitane, mettendo barche rosa in mezzo a intersezioni trafficate o urlando oscenità al Primo Ministro, chiedetevi se sanno davvero la prima cosa sul futuro del pianeta. La risposta, in quasi tutti i casi, sarà no.

Felix Kirkby, studente inglese di 16 anni / Quillette.com (articolo tradotto, il testo originale è disponibile qui)

Guarda anche 

Covid-19 un'emergenza che deve far riflettere

Il Covid-19 e l’importante emergenza sanitaria annessa hanno mostrato la fragilità della nostra società e della nostra economia evidenziando molti pun...
27.05.2020
Ticino

All'ospedale mangiano formaggio contaminato, quattro avvelenati di cui uno deceduto

Quattro pazienti del Centre Hospitalier du Valais Romand (CHVR) sono stati, molto probabilemente, contaminati dalla listeria dopo aver consumato del formaggio svittese du...
11.05.2020
Svizzera

Giovani Comunisti e l'incoerenza ideologica

In data 8 aprile 2020, proprio mentre si stava iniziando ad intravvedere il picco dell’emergenza sanitaria, la Gioventù Comunista Svizzera ha deciso di cogli...
11.04.2020
Opinioni

Virus, dopo l'isteria arriverà l'insofferenza

La natura se ne impipa del maledetto virus. Alberi e prati sono rigogliosi. Dopo la recente gelata fuori stagione, le temperature sono tornate miti. Il sole splende e - c...
06.04.2020
Svizzera