Mondo, 25 aprile 2019

In Arabia Saudita eseguite 37 esecuzioni di condanne a morte, uno crocifisso

Martedì in Arabia Saudita sono state eseguite 37 esecuzioni di condanne a morte, di cui almeno uno per crocifissione. Le persone uccise, sostiene il governo saudita, erano state condannate per atti legati al terrorismo: attacchi con esplosivo a strutture della sicurezza nazionale, uccisione di funzionari pubblici e cooperazione con organizzazioni nemiche del paese.

Diverse organizzazioni per la difesa dei diritti umani hanno criticato l'azione saudita sottolineando che la grande maggioranza delle persone uccise facevano parte della comunità sciita perseguitata dal regime e concentrata nella provincia orientale dell’Arabia Saudita, paese a stragrande maggioranza sunnita. Almeno un’esecuzione è stata realizzata tramite crocifissione, mentre non si hanno dettagli sulle altre, ha scritto il Wall Street Journal, anche se in questi casi è solitamente prevista la decapitazione usando la spada. Inoltre, si sa che uno dei condannati era un uomo sciita che era stato arrestato quando aveva 16 anni ed era accusato di avere partecipato a proteste antigovernative.

Nonostante i ripetuti appelli dealle Nazioni Unite, la decisione dell'Arabia Saudita ha suscitato una forte condanna mercoledì dall'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet.

"Condanno fermamente queste scioccanti esecuzioni di massa in sei città in Arabia Saudita ieri,nonostante le gravi preoccupazioni sollevate su questi casi da numerosi relatori speciali delle Nazioni Unite, dal Comitato delle Nazioni Unite per i diritti dell'infanzia e da altri", ha detto Bachelet in una dichiarazione.

Dall’inizio dell’anno, in Arabia Saudita sono state eseguite 104 esecuzioni per condanne a morte. Nel 2018 il goveno saudita ne eseguì 149.

Guarda anche 

Michele Moor: per una Svizzera indipendente

In Svizzera c’è chi, evidentemente afflitto da ansia da status, guarda alle istituzioni internazionali come centri depositari di ogni scienza infusa, che ...
07.10.2019
Opinioni

Trump alle Nazione Unite: "Il futuro non appartiene ai globalisti, ma ai patrioti e alle nazioni sovrane e indipendenti"

Nel suo discorso davanti alle Nazioni Unite a New York, Donald Trump ha promosso la sovranità sulla globalizzazione, spingendo i leader mondiali a mettere al primo...
25.09.2019
Mondo

Il Patto ONU che cova sotto la cenere

E’ un po’ che non si sente più parlare del patto ONU sulla migrazione, detto anche Global Compact. Quello che 165 Stati hanno sottoscritto nel dicembre...
19.07.2019
Svizzera

L'ONU ci riempie di terroristi, la Svizzera ne esca subito

Ah beh, questa ci mancava! L’agenzia ONU per i diritti umani, per bocca della sua capa Michelle Bachelet, ex presidenta cilena, è tornata a sparare boiate. N...
01.07.2019
Mondo