Svizzera, 04 aprile 2019

Ha avuto rapporti sessuali con donne disabili incapaci di discernimento, dovrà andare in carcere

Un uomo residente nel canton Neuchâtel è stato condannato a una pena detentiva di 36 mesi, di cui 18 mesi da espiare, per aver commesso atti sessuali con due donne disabili incapaci di discernimento. Gli altri 18 mesi sono invece sospesi con la condizionale per quattro anni. Lo riferisce il portale romando "Arcinfo", il quale ha pubblicato un resoconto del processo.

Secondo il tribunale regionale de Littoral e Val-de-Travers, l'uomo aveva approfittato della disabilità delle due vittime. Secondo la testimonianza di una delle due vittime, l'uomo, proprietario di un bar, avrebbe avuto un rapporto completo con penetrazione vaginale e anale.

Più complesso il rapporto con la seconda vittima, con cui l'imputato ha avuto una relazione durata diversi mesi. Secondo quanto riferito, durante questo tempo l'uomo l'ha costretta, fra le altre cose, a fare sesso con altre persone, l'ha spinta a ingoiare il suo sperma e le avrebbe orinato più volte in bocca.

In entrambi i casi, non sono gli atti di coercizione o le pratiche estreme che sono state mantenute, ma gli atti sessuali commessi su una persona incapace di discernimento.

Come spiegato dal presidente del tribunale, Alexandre Seiler: "Possiamo fare affidamento esclusivamente sulle dichiarazioni dell'imputato
e delle vittime per ricostruire ciò che è accaduto. Il rapporto sessuale è stato ammesso da entrambe le parti, ma il convenuto confuta qualsiasi elemento di coercizione". In tali circostanze, "dobbiamo considerare le dichiarazioni più favorevoli all'imputato". L'uomo è stato quindi assolto per questi fatti. Tuttavia, secondo Alexander Seiler, la Corte ha rilevato che "il convenuto ha approfittato dello stato di salute" delle sue vittime, le quali soffrono di ritardo mentale.

Ha anche "rotto la fiducia" della donna con la quale ha avuto una relazione: "Quest'ultima ha sviluppato sentimenti d'amore per lui e l'imputato ha approfittato della sua ascendenza per imporre pratiche sessuali estreme".

La Corte ha reso la sua sentenza tenendo conto dell'assenza di precedenti dell'accusato, assolto in un caso precedente. Seiler ha aggiunto che "l'imputato non ha mostrato alcun particolare rimorso, anche se ha collaborato all'avanzamento delle indagini. Ha dato l'impressione di non voler interrogarsi, nonostante la gravità della situazione."

L'uomo dovrà pagare alle vittime i danni morali per un valore compreso tra i 3'000 e 10'000 franchi. Le parti possono ancora presentare ricorso.

Guarda anche 

Dramma di Zurigo, la vittima uccisa dalla figlia 18enne

Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti della tragedia familiare avvenuta giovedì a Zurigo (vedi articoli correlati) a uccidere il 47enne kosovaro sarebbe...
26.09.2020
Svizzera

Un agente alla sbarra perchè pizzicato da "Via Sicura"

Sarà giudicato alle Assise Correzionali per eccesso di velocità. Cosa c’è di strano? Che lui è un agente della Polizia cantonale e ha su...
25.09.2020
Ticino

Attacco all'arma bianca vicino alla sede di Charlie Hebdo, almeno due feriti

Un uomo e una donna sono stati accoltellati venerdì a Parigi, nei pressi della vecchia sede del giornale Charlie Hebdo, proprio mentre si tiene il processo per gli...
25.09.2020
Mondo

Bambini sotto i 12 anni e Covid, le nuove linee guida dell'UFSP

L'USFP, ovvero l'Ufficio Federale della Sanità, riporta i consigli in merito a come comportarsi se il proprio figlio sotto i 12 anni manifesta sintomi o en...
25.09.2020
Svizzera