Svizzera, 04 aprile 2019

"L'ho ucciso perché in qualche modo dovevo farmi ascoltare"

Due settimane. Tanto è passato dall’omicidio del piccolo Mergim (7 anni), accoltellato a morte in strada a Basilea da un 75enne. Due settimane e i motivi che hanno spinto la donna a compiere il folle gesto sono ancora sconosciuti.

La polizia continua a dubitare dell’imputabilità della donna, la quale sarà sottoposto a una perizia psichiatrica nelle prossime settimane. Secondo quanto riferito dal Blick, il gesto della pensionata sarebbe da attribuire a una richiesta d’aiuto. Un gesto estremo, insomma, per farsi ascoltare dalle autorità, come ammesso dalla stessa protagonista pochi minuti dopo il delitto.

Stando alla ricostruzione del quotidiano, subito dopo aver ucciso Mergim, la donna avrebbe allertato i media a cui ha annunciato di aver “ucciso un bambino perché le autorità non mi vogliono ascoltare. Sono stata sfrattata dal mio appartamento. In qualche modo devo farmi ascoltare”.

Guarda anche 

In Svizzera ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri

Il divario tra le remunerazioni più basse e quelle più alte si è ulteriormente ampliato nel 2018. Mentre da una parte aumenta la pressione sui salari...
24.06.2019
Svizzera

Un aliante si schianta in Vallese, due morti

Dramma nei cieli del Vallese: un aliante che aveva lasciato l'aeroporto di Sion verso le 13:50 domenica per un volo nella valle del Rodano è precipitato nella ...
24.06.2019
Svizzera

"Gli svizzeri come i romani"

Sto leggendo un libro sulla caduta dell'Impero Romano, questione su cui ci sono molte teorie. Edward Gibbon attribuisce classicamente questo collasso a un declino mor...
24.06.2019
Svizzera

Xhaka, "un capitano da lasciare a casa"

*Dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri Il capitano della nazionale (è ancora da capire di quale nazione) Granit Xhaka è tornato ad esultare con i...
24.06.2019
Svizzera