Mondo, 21 marzo 2019

Telecamere nascoste in hotel. I video in streaming su siti porno. La truffa in Corea del Sud

Pazzesco quanto successo  in Corea del Sud. I gestori dell'hotel filmavano segretamente e illegalmente i clienti nella loro camera da letto. Le immagini registrate, o addirittura dirette streaming, venivano poi trasmesse su una piattaforma a pagamento con base all'estero.

I clienti, ignari di tutto, sono circa 1.600: protagonisti inconsapevoli di un Grande Fratello in salsa piccante grazie alle telecamere montate in 42 stanze di ben 30 strutture alberghiere, sparse in 10 città. L'incredibile storia è avvenuta in Corea del Sud: il "business", operativo da novembre fino agli inizi di marzo, ha permesso ai sospettati di gudagnare circa 7 milioni di won (6.210 dollari).

Dietro all'organizzazione c'erano quattro persone, arrestate dalla polizia. Se dichiarati colpevoli, i quattro rischiano fino a sette anni di carcere. Gli hotel in questione si trovano in dieci città del centro del Paese. Ed è la Korean Police Agency ad aver fornito ulteriori dettagli circa l'attività illecita: i video erano realizzati da telecamere nascoste nelle scatole dei televisori, negli appoggi degli asciugacapelli e in altre apparecchiature elettroniche.

Guarda anche 

Arrestato presunto pedofilo svizzero in Brasile, viaggiava con un bambino tailandese

Uno svizzero di 63 anni è stato arrestato giovedì scorso all'aeroporto di Guarulhos, a San Paolo, in Brasile. Stava cercando di imbarcarsi su un volo pe...
24.06.2019
Mondo

Catania, lasciano bimbo di 4 anni in auto: denunciati genitori svizzeri

Un bambino di 4 anni, rivela l'ANSA, è stato lasciato chiuso nella'autovettura dei genitori sotto il sole fuori dall'aeroporto di Catania con u...
24.06.2019
Mondo

Si addormenta in aereo e si ritrova abbandonata e al buio

"Un'esperienza da incubo", quella che ha vissuto Tiffani Adams, una canadese che si è ritrovata da sola, al freddo e al buio, a bordo di un aere...
24.06.2019
Mondo

Algeria, cristiano condannato per "esercizio di culto non musulmano"

Un giovane cristiano di Akbou, città del nord dell'Algeria, è stato condannato giovedì scorso dalla corte a una multa di 50'000 dinari (circa...
24.06.2019
Mondo