Svizzera, 12 marzo 2019

Denuncia penale contro una candidata socialista al governo vodese, "il suo incarico era fittizio"

Tre cittadini hanno presentato una denuncia penale contro la candidata al governo vodese Rebecca Ruiz (nella foto) e l'ex consigliera di stato Anne-Catherine Lyon, entrambe del Partito socialista. In causa, come riferisce "Le Matin" riprendendo informazioni del "24 heures", è il contratto di lavoro in cui la consigliere nazionale era stata assunta come insegnante mentre effettivamente occupava un'altro incarico.

Il caso era venuto alla luce a dicembre, ma la denuncia penale arriva sei giorni prima del primo turno delle elezioni complementari al Consiglio di Stato. È stata inviata lunedì notte per posta raccomandata e via e-mail al Procuratore generale, Keystone-ATS ha detto a uno degli autori, Samuel Thétaz, confermando l'informazione di "24 heures".

L'avvocato, che si definisce di sensibilità di destra senza essere membro di un partito, non difende alcun interesse personale. Non è vicino all'UDC, il cui candidato Pascal Dessauges è il principale avversario di Rebecca Ruiz nella corsa al Consiglio di Stato.

"A nostro avviso, i fatti rivelati nei media costituiscono reati. Siamo stati sorpresi nel vedere che nessuno li ha denunciati alla Procura della Repubblica. E che l'accusa non ha aperto un'indagine", ha detto Thétaz, che ha inviato la denuncia con Jean-Charles Cardinaux, un pensionato, e l'avvocato Olivier Klunge.

Ai loro occhi, l'incarico di Rebecca Ruiz come insegnante nella sede secondaria di Cossonay Penthalaz - mentre in realtà la criminologa stava conducendo uno studio sulla violenza e le molestie
a scuola – sarebbe stato fittizio e costituisce i reati di falsità in documenti e infedeltà nella gestione pubblica.

Thétaz denuncia un caso di "clientelismo" e ritiene problematico il fatto che una "consigliere di stato socialista abbia ingaggiato qualcuno dal suo partito e che questo contratto sia finito poco dopo l'elezione della signora Ruiz a Consiglio nazionale ". Gli informatori desiderano essere riconosciuti come parte lesa per ottenere l'accesso al file. E per essere in grado di ricorrere, in caso di classificazione o non entrata nella materia.

Ruiz aveva più volte giustificato questo contratto. Lavorava come criminologa, incarico a suoi dire coerente con la sua formazione, per il Dipartimento di Formazione già nel 2010. Questo contratto a tempo determinato è stato rinnovato quattro volte, il massimo ammesso dal punto di vista amministrativo.

Per completare il suo lavoro di ricerca, è stata assunta dal 2013 al 2014 con un contratto di insegnante. All'epoca aveva sottolineato che la formulazione non corrispondeva al contenuto del suo incarico. Gli fu spiegato che si trattava di una pratica amministrativa che riguardava anche altri collaboratori.

Lunedì sera, in una dichiarazione, la consigliere nazionale e il partito socialista vodese sottolineano che questa denuncia è "totalmente infondata in termini di fatti e di leggi". Ritengono "esecrabile questo meschino tentativo di deviare il potere giudiziario" da "individui che chiaramente non vogliono un dibattito sostanziale sul futuro del cantone".

Guarda anche 

"Disoccupazione dei frontalieri: L'assalto alla diligenza elvetica è già cominciato. La Lega non ci sta!"

Con un comunicato trasmesso poco fa ai media la Lega dei Ticinesi manifesta la sua contrarierà all'ipotesi che sia la Svizzera a dover pagare le indennit&agrav...
21.03.2019
Svizzera

Clima, un liceo ha obbligato i suoi studenti a scioperare

Come molti altri giovani in Svizzera, migliaia di studenti e studenti sono scesi in piazza lo scorso venerdì nel cantone di Berna per chiedere politiche efficaci i...
21.03.2019
Svizzera

Sempre più genitori schedano i propri figli per paura che l'ex li rapisca

La scorsa settimana, due bambine rapite più di 4 anni fa dal loro padre e portate in Egitto hanno fatto ritorno a casa loro a Interlaken (BE). In Svizzera, la p...
21.03.2019
Svizzera

Aveva aggredito una dipendente di un centro per richiedenti l'asilo fino a farle perdere un occhio, condannata a 18 anni di carcere

Il tribunale cantonale di Zurigo ha condannato martedì una richiedente l'asilo per tentato omicidio ad una reclusione di 18 anni, confermando così il ve...
21.03.2019
Svizzera
x