Sport, 09 marzo 2019

Pronti, partenza, via: buon playoff a tutti

Questa sera parte la regular season che conta, da questa sera tutto ciò che è stato fatto fino ad ora non conterà più nulla. Alla fine a contare e a parlare sarà il ghiaccio fino alla consacrazione del vincitore del titolo

LUGANO – Sarà retorica, saranno le solite frasi fatte, sarà che ormai siamo abituate a sentirle queste parole, ma gli ultimi anni lo hanno dimostrato in toto: con i playoff cambia tutto e ciò che è stato fatto nelle prime 50 partite stagionali conta davvero poco.

Ecco perché da questa sera tutte le 8 contendenti al titolo hanno quasi tutte le stesse possibilità e ambizioni di puntare al colpo grosso: nei playoff contano i dettagli, la grinta, la “garra” per dirla alla sudamericana, il coraggio, il senso di gruppo e di sacrificio. Tutti elementi che uniti alla tecnica individuale, collettiva, di squadra e alla visione di gioco degli head coach possono fare, e fanno, la differenza.

Lo Zurigo l’anno scorso e il Berna tre anni fa ci hanno insegnato che nulla è impossibile: puoi partire da dietro,
puoi esserti qualificato all’ultima giornata, puoi aver patito per tutto il corso della regular season, ma se trovi l’alchimia giusta, se recuperi giocatori importanti, se riesci a stabilire un giusto mix, ogni possibilità di trionfo resta aperta.

Ecco perché anche le nostre due compagini ticinesi devono crederci, devono restare vigili, devono lottare su ogni disco fin da stasera: Bienne e Zugo non sono due rivali facili e non sarà facile per loro riuscirle a domare, ma i leventinesi in stagione hanno mostrato un gran bel gioco, nonostante abbiano ottenuto 0 punti contro i Seelanders, mentre i bianconeri – sembrati in ripresa sul finale di regular season – devono farsi perdonare un campionato complicato e sotto le aspettative.

Mettetevi comodi, allacciate le cinture perché fra poche ore si parte: buon playoff!

Guarda anche 

Lugano brutto e confuso. La serie nera continua

LUGANO - Una settimana oltre modo difficile si è conclusa con una sconfitta pernulla inattesa. Il nervosismo di Jacobacci durante la confe...
09.05.2021
Sport

Hofmann-Simion al timone: mai titolo fu più meritato

ZUGO – Dal 1998 al 2021. Di tempo ne è passato. Sia nel mondo reale (nel 1998 ad esempio non c’erano gli iPhone o gli smartphone in generale, non esist...
09.05.2021
Sport

Ambrì (tra i tanti) c’è il ritorno del figliol prodigo Pestoni

AMBRÌ – È il momento degli annunci. E se il Lugano ieri ha fatto le cose in grande, con tanto di conferenza stampa indetta meno di 24h prima, con l&rs...
07.05.2021
Sport

Lugano, ecco McSorley!

LUGANO – Nella cornice di Villa Sassa, questa mattina, il Lugano ha alzato i veli su quello che sarà il suo prossimo futuro o, nello specifico, su chi sar&ag...
06.05.2021
Sport