Mondo, 01 marzo 2019

Torna l'incubo di Momo: è allarme anche su YouTube

Momo, l'inquietante volto che ha terrorizzato i ragazzi di tutto il mondo sui social e che incita al suicidio, è tornato. L'allarme non va sottovalutato dai più grandi, perché ora la terribile immagine di nasconde anche su internet.

Momo ha fatto la sua apparizione nel 2018, quando attraverso whatsapp i più giovani venivano contattati per messaggio o chiamata vocale da un profilo sconosciuto che aveva proprio quel volto deformato. E ora avrebbe preso di mira non solo gli adolescenti, ma anche i piccolissimi fan di Peppa Pig.

L'allarme
riguarda alcuni video caricati su YouTube e che per lunghi tratti sono innocenti, ma all'interno di loro si potrebbe nascondere il volto di Momo, capace di una forza coercitiva tale da portare i ragazzi a praticare dell'autolesionismo per arrivare fino al suicidio.


Secondo quanto riportato dal Daily Mail, infatti, i messaggi di Momo verso i giovani ragazzi varierebbero dal convincere tutti a temere Momo stessa, pena la minaccia di essere uccisi nel sonno, o ingerire specifici medicinali, fino ad aprire il gas in casa. Il tutto senza farsi scoprire dai propri genitori.

Guarda anche 

Migliaia di giovani in piazza contro la censura di Internet imposta dall'UE

Da diverse settimane molte città europee, in particolare in Germania, sono teatro di manifestazioni di giovani (e meno giovani) contrari alla legge sul copyright a...
23.03.2019
Mondo

Si dicono favorevoli ad accogliere un migrante, ma quando gliene viene messo uno davanti si rifiutano

Curioso e simpatico esperimento quello ideato dall'emittente svedese Samnytt TV. In un reportage intitolato "Le persone vogliono davvero ospitare immigrati a cas...
23.03.2019
Mondo

"Ho agito perché sentivo le voci dei bambini morti in mare"

Ousseynou Sy, l'autista che ha dirottato lo scuolabus con a bordo 51 ragazzini, potrebbe colpire ancora. È quanto hanno deciso i pm milanesi, i quali...
23.03.2019
Mondo

Facebook, password non sicure: 600 milioni di account a rischio

Facebook ha ammesso che per anni ha conservato le password di milioni di utenti senza criptarle, conservandole in un documento di testo accessibile a migliaia di dipenden...
23.03.2019
Mondo
x