Sport, 28 febbraio 2019

Dimenticare lo shock, per inseguire un sogno: Lugano, tocca a te

Il KO rimediato al 94’ contro l’YB domenica fa ancora male, ma i ragazzi di Celestini questa sera contro il Thun devono fare quadrato per centrare la semifinale di Coppa Svizzera

LUGANO – Quel gol incassato al 94’ domenica, in contropiede, quando tutti pensavano che la partita fosse ormai finita e che l’ultimo jolly fosse nelle mani dei bianconeri, ha fatto male, ha ferito nell’orgoglio e nell’animo il Lugano che contro l’YB ha davvero mostrato tante cose buone e un po’ di fortuna… fino all’ultimo secondo.

Ora però bisogna voltare pagina, bisogna liberare la testa perché questa sera la truppa di Celestini andrà a far visita a un Thun in formato europeo, che veleggia in terza posizione in classifica e che non intende fare sconti a nessuno. Ma questo Lugano, tenendo comunque conto delle assenze di Bottani, Maric e Covilo, deve credere nell’impresa, nel sogno, perché con questa rosa, con questi giocatori a disposizione, non arrivare a giocarsi la sfida più importante, ovvero la finale, sarebbe un vero peccato e forse… un piccolo fallimento.

Diciamola chiaramente: questo è il Lugano più forte della gestione Renzetti, l’ultimo probabilmente dell’attuale presidente, e salutare chi ha costruito questo gruppo a suon di soldi e passione, con un trofeo sarebbe una cosa giusta, che darebbe ancora più morale, visione e qualità a una società che negli ultimi anni ha saputo districarsi in un campionato complicato, nonostante un budget non certo elevato.

Imporsi alla Stockhorn Arena non sarà facile, è innegabile, ma è anche vero che negli scontri diretti in campionato i bianconeri hanno ottenuto 4 punti nelle tre partite disputate fin qui, andando a pareggiare in terra bernese: insomma, non si tratta certo di un’impresa titanica, e provarci fino in fondo, con un Sadiku in più nel motore, deve essere un obbligo.

Guarda anche 

Il Lugano va, con Bottani in poppa

LUGANO – Evidentemente il KO di Berna è stato solo un episodio. Per carità, perdere in casa dell’YB ci sta, ma è anche vero che la sconfi...
06.12.2021
Sport

L’ex presidente Renzetti: “Paolo, un tecnico emotivo”

LUGANO - L’ex presidente Angelo Renzetti si gode qualche giorno di riposo nella sua Pescara, anche se conta di tornare in Ticino per la sfida odierna fra il Lu...
05.12.2021
Sport

Il leggendario Nummelin riscalda ancora i cuori

LUGANO - Quando Nummy entra in sala stampa viene accolto da un applauso. Qualche vecchio cronista coglie l'occasione per un selfie; altri lo prendono s...
06.12.2021
Sport

Italia-Inghilterra e la tragedia sfiorata: “A Wembley poteva morire qualcuno”

LONDRA (Gbr) – Se sul campo è finita con la vittoria ai rigori dell’Italia, che poi ha alzato al cielo di Wembley il trofeo di campione d’Europa,...
05.12.2021
Sport