Svizzera, 02 febbraio 2019

Meno richiedenti l'asilo "perchè l'Italia non è più la principale rotta per l'Europa"

In un'intervista rilasciata al Blick e pubblicata ieri il Segretario di Stato Mario Gattiker (nella foto)  viene interrogato sugli ultimi sviluppi in materia di asilo, a partire dagli arrivi di richiedenti l'asilo, i quali sono diminuiti del 15% nel 2018 rispetto all'anno prima per attestarsi a 15'255. Una diminuzione che secondo Gattiker è dovuto per il fatto che gli asilanti ricevono una risposta rapida alla loro domanda di asiloe che la principale rotta dei migranti verso l'Europa non è più attraverso la Libia e l'Italia ma tra il Marocco e la Spagna.

Gli viene poi chiesto per quale motivo la Svizzera è un paese con un numero, in proporzione, maggiore di persone con lo status di rifugiato rispetto agli altri paesi europei domanda a cui Gattiker risponde sostenendo che sarebbe "una volontà della Svizzera" che il paese abbia tanti rifugiati.

L'anno scorso la Segreteria per la migrazione (SEM) aveva annunciato di voler riesaminare i dossier di 3'200 eritrei che hanno già ricevuto lo status di rifugiato, eritrei la cui ammissione è stata ritenuta dubbia. Nell'intervista Gattiker fa sapere che di questi 3'200 solo una minima parte sarà effettivamente revocata, "meno del 10%". Numero basso che il segretario di Stato spiega sostenendo che gran parte di queste persone sarebbero "integrati"
in Svizzera. In ogni caso nessuno verrà rimandato in Eritrea dal momento che la Svizzera non riesce a espellere gli eritrei presenti sul suo territorio.

Lo stesso problema del non riuscire a espellere stranieri in certi paesi si presenta anche con gli estremisti islamici. L'intervistatore evoca un caso di predicatori islamici a Winterthur e chiede perchè queste persone si trovano ancora in Svizzera al che Gattiker risponde che non è possibile rimandarli al loro paese, l'Etiopia, perchè quest'ultima non li vuole. Ma assicura che un accordo di riammissione con il paese africano sarebbe dietro l'angolo.

Viene poi abbordata la riforma del sistema d'asilo con cui la Confederazione intende aprire diversi centri federali in ogni regione della Svizzera, riforma che stando a Gattiker procede bene tranne in Svizzera centrale dove si ha difficoltà a trovare un'ubicazione idonea a causa della resistenza della popolazione e delle autorità.

Infine, per il futuro il Segretario di Stato non prevede grandi cambiamenti nel flusso di richiedenti l'asilo, "probabilmente saranno 15'000 anche nel 2019, ma avverte che molto dipende dalla situazione geopolitica all'estero e cita come esempio la Turchia dove risiedono 3 milioni di siriani. "Tutto potrebbe cambiare velocemente".


Guarda anche 

Alé Svizzera: con coraggio e senza provocazioni

DOHA (Qatar) – Ci siamo. La partita che, al momento della definizione del calendario del Mondiale, era stata indicata come decisiva per le sorti della Nazionale a Q...
02.12.2022
Sport

Spuntata e senza Shaqiri. La Svizzera fa il compitino, ma il Brasile ci castiga

DOHA (Qatar) – La vittoria colta all’esordio del Mondiale qatariota, forse, ci aveva un po’ illusi. Sì perché della sfida contro il Cameru...
29.11.2022
Sport

Casemiro condanna la Svizzera: il Brasile vince 1-0

DOHA (Qatar) – Se contro il Camerun ci aveva pensato Embolo a togliere le castagne dal fuoco per una Svizzera non esattamente brillante, questa volta contro un Bras...
28.11.2022
Sport

Gli iraniani residenti in Svizzera sottostanno al diritto famigliare dell'Iran

In Svizzera, i cittadini iraniani sono soggetti al diritto di famiglia della Repubblica islamica. Come riporta la "NZZ am Sonntag", i giudici svizzeri devono...
28.11.2022
Svizzera