Sport, 18 gennaio 2019

Weekend caldo, caldissimo: Lugano e Ambrì, fuori gli attributi!

Bianconeri e biancoblù sono attesi da due sfide delicatissime nel fine settimana: Friborgo e Berna per i ragazzi di Ireland, Losanna e Rapperswil per quelli di Cereda

LUGANO/AMBRÌ – Due partite casalinghe questa sera, due partite in trasferta domani: Lugano e Ambrì hanno davanti a loro lo stesso medesimo programma, entrambe hanno bisogno di vincere per centrare i playoff, ma è innegabile che le sfide più dure toccheranno ai ragazzi di Ireland, che tra l’altro sono messi peggio in classifica.

I bianconeri “esordiranno” tra le mura amiche ospitando il Friborgo. Non ci sono alternative per Chiesa e compagni: urge trovare nuovamente i tre punti, urge tornare a vincere in casa dopo due KO di fila, urge vincere uno scontro diretto che potrebbe pesare come un macigno. I burgundi hanno vinto 3 delle ultime 5 partite disputate, 3 delle ultime 4 trasferte dove hanno comunque sempre racimolato punti. Insomma, Sprunger e compagni non sono da sottovalutare, nonostante siano sotto la linea, ma in questo caso ci sarà da buttare il cuore oltre l’ostacolo. Un cuore che dovrà riempirsi di orgoglio e di sacrificio sabato se i bianconeri vorranno tornare da Berna con qualche punto in cascina: andare alla PostFinance Arena non è facile per nessuno, gli Orsi in casa hanno trionfato in 4 delle ultime 5 occasioni e si sono arresi soltanto allo Zugo (seppur in modo fragoroso). Ma Andersson e soci sono capaci di tutto: la clamorosa vittoria in rimonta colta martedì a Ginevra insegna che neanche con un triplo vantaggio si può dormire sogni tranquilli
contro una corazzata simile. Ma in questo momento un avversario deve “valere l’altro” per il Lugano se si vuole arrivare ai playoff dalle parti della Cornèr Arena.

Playoff che sono nel mirino anche dell’Ambrì e, bisogna ammetterlo, per quanto fatto e mostrato dalla truppa di Cereda, non centrali sarebbe davvero un peccato, un rammarico e, sportivamente parlando, ingiusto. Con Lerg fuori uso, sarà il turno di D’Agostini che dovrà completare il pacchetto stranieri e dare una mano alla sua squadra per superare questa sera il Losanna. In casa biancoblù c’è da cancellare l’ultimo weekend da 0 punti e la sconfitta interna patita contro il Friborgo, ma è anche vero che la Valascia quest’anno si è dimostrata un catino difficilmente espugnabile. I vodesi, inoltre, sono la miglior squadra come rendimento interno (40 punti), ma sono noni come punti ottenuti lontani da La Malley: 17. Sono cinque le sconfitte consecutive rimediate in trasferta dai Leoni. Ad Ambrì si augurano che possano diventare 6… 6 come i successi ottenuti dai leventinesi fuori casa: quale miglior occasione per migliorare questa statistica che andare a far visita al Rapperswil? I Lakers, anche contro il Lugano, si sono dimostrati insicuri, imprecisi e decisamente la peggior squadra della Lega: la classifica, le statistiche lo sottolineano. Starà a Kubalik e compagni confermarlo…

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

C’è il marchio finlandese sulla storia del Lugano

LUGANO - Con l’arrivo di Mikko Koskinen, Oliwer Kaski e Markus Granlund si allunga la lista di giocatori finlandesi ingaggiati dal Lugano. ...
26.07.2022
Sport