Mondo, 15 gennaio 2019

L'imam espulso: "Vi uccideremo ​e mangeremo i vostri cadaveri"

Detenuto nel carcere di Padova per una brutale rapina, nel giro di breve tempo era riuscito ad imporsi come l'imam del carcere della città italiana, estromettendo con violenza e minacce la persona che svolgeva la funzione fino a quel momento, e iniziando ad approfittare del suo ruolo per fare attività di proselitismo a favore della jihad islamica.

  Ma, come riferisce il "gazzettino" di padova, l'attività di Mahmoud Jebali, 31 anni, di nazionalità tunisina, non era passata inosservata alle guardie del carcere, che hanno segnalato il comportamento estremista dell'uomo alla Digos, l'agenzia italiana incaricata di investigare attività che possono mettere a repentaglio la sicurezza nazionale. La Digos per mesi ha svolto un'accurata indagine sul suo conto, conclusasi con un decreto di espulsione, espulsione avvenuta venerdì scorso.

Il 31enne, privo di permesso di soggiorno, era entrato in Italia illegalmente dal porto di Lampedusa, dopo aver affrontato la traversata del meditteraneo con un barcone. Jebali ha innumerevoli precedenti penali per reati violenti, quali rapine, porto abusivo di armi nonché detenzione di sostanze stupefacenti e utilizzo fraudolento di carte di credito.

Il carcere non aveva affatto cambiato il suo comportamento violento e estremista. "Aveva minacciato un agente urlandogli contro ‘prima o poi morirete tutti, entreremo nelle vostre case e vi uccideremo e mangeremo i vostri cadaveri… Allahu akbar’. In un’altra occasione disse che, una volta uscito di prigione, sarebbe andato a combattere in Siria” racconta una delle guardie carcerarie incaricate di sorvegliarlo.

Guarda anche 

"Per alcuni svizzeri gli italiani sono dei sudici terroni", parola di collaboratore RSI

"Per alcuni svizzeri gli italiani di Sondrio, Como e Varese sono certamente dei sudici terroni extraconfederati (OK, ho appena inventato il termine per ass...
15.01.2020
Ticino

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera

Abbandona il campo per razzismo: la Federazione gli offre un posto di lavoro

MILANO (Italia) – Il razzismo nel mondo del calcio non smette di esistere, nonostante tutti i tentativi di club, giocatori e federazioni. Ma dall’Italia arriv...
12.01.2020
Sport

Spagna, migrante condannato a 12 anni di carcere per aver preso a sassate un omosessuale

Il tribunale superiore della giustizia della Catalogna (TSJC) ha confermato la condanna a dodici anni di carcere per un cittadino marocchino che aveva aggredito un omoses...
11.01.2020
Mondo