Svizzera, 10 gennaio 2019

Sostiene di essere diventato gay dopo che una donna ha abusato di lui, non verrà espulso perchè il suo paese perseguita gli omosessuali

Il Tribunale amministrativo federale (Taf) ha annullato una decisione della Segreteria di stato della migrazione (Sem), che nell’agosto 2018 aveva deciso di allontanare dalla Svizzera un richiedente l’asilo gambiano. L’uomo aveva presentato la sua domanda nell’aprile 2017, a Chiasso. Aveva raccontato di aver subito in patria degli abusi sessuali da parte di una donna di età molto maggiore alla sua. Questi abusi, spiegava, avevano maturato in lui un disgusto verso il genere femminile e gli avevano fatto scoprire di essere omosessuale. Il padre, venuto a conoscenza del suo orientamento sessuale, aveva minacciato di ucciderlo, con l’accusa di aver macchiato l’immagine di onorabilità e di rispetto della sua famiglia. Il giovane ha quindi cercato rifugio in Svizzera.

Ma la Sem, evidenziando contraddizioni nel racconto del giovane, ha respinto la sua domanda d’asilo e ne ha pronunciato l’allontanamento. Una decisione basata su “un accertamento inesatto dei fatti”, secondo il Taf, che nella sua sentenza sottolinea il “difficile contesto” nei confronti degli omosessuali nel Paese africano. “Malgrado dal gennaio del 2017 in Gambia si sia instaurato il nuovo governo – si legge nella sentenza -, risulta tutt’ora in vigore una legislazione penale repressiva contro le persone LGBT, che punisce severamente gli atti omosessuali; nonché esiste ancora un grande sentimento di omofobia ed emarginazione delle persone LGBT da parte della società gambiana, e la totale assenza sul territorio di organizzazioni che sostengano i diritti delle persone LGBT”.

Per questo motivo il Taf ha accolto il ricorso del richiedente l’asilo gambiano, rinviando il dossier alla Sem affinché prenda una nuova decisione “rispettosa dei considerandi della presente sentenza”.   

Guarda anche 

Nascondeva i reati commessi da richiedenti l'asilo, si dimette ministro olandese

Il ministro della giustizia e della sicurezza olandese Mark Harbers (nella foto) si è dimesso dopo che il suo dipartimento è stato messo sotto accusa di ave...
22.05.2019
Mondo

Un'aggressione sessuale al festival jazz gli vale il carcere e l'espulsione

Un cittadino albanese dovrà scontare quattro anni di carcere e verrà in seguito espulso per otto anni dalla Svizzera per aggredito sessualmente una donna du...
22.05.2019
Svizzera

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera