Svizzera, 10 gennaio 2019

Sostiene di essere diventato gay dopo che una donna ha abusato di lui, non verrà espulso perchè il suo paese perseguita gli omosessuali

Il Tribunale amministrativo federale (Taf) ha annullato una decisione della Segreteria di stato della migrazione (Sem), che nell’agosto 2018 aveva deciso di allontanare dalla Svizzera un richiedente l’asilo gambiano. L’uomo aveva presentato la sua domanda nell’aprile 2017, a Chiasso. Aveva raccontato di aver subito in patria degli abusi sessuali da parte di una donna di età molto maggiore alla sua. Questi abusi, spiegava, avevano maturato in lui un disgusto verso il genere femminile e gli avevano fatto scoprire di essere omosessuale. Il padre, venuto a conoscenza del suo orientamento sessuale, aveva minacciato di ucciderlo, con l’accusa di aver macchiato l’immagine di onorabilità e di rispetto della sua famiglia. Il giovane ha quindi cercato rifugio in Svizzera.

Ma la Sem, evidenziando contraddizioni nel racconto del giovane, ha respinto la sua domanda d’asilo e ne ha pronunciato l’allontanamento. Una decisione basata su “un accertamento inesatto dei fatti”, secondo il Taf, che nella sua sentenza sottolinea il “difficile contesto” nei confronti degli omosessuali nel Paese africano. “Malgrado dal gennaio del 2017 in Gambia si sia instaurato il nuovo governo – si legge nella sentenza -, risulta tutt’ora in vigore una legislazione penale repressiva contro le persone LGBT, che punisce severamente gli atti omosessuali; nonché esiste ancora un grande sentimento di omofobia ed emarginazione delle persone LGBT da parte della società gambiana, e la totale assenza sul territorio di organizzazioni che sostengano i diritti delle persone LGBT”.

Per questo motivo il Taf ha accolto il ricorso del richiedente l’asilo gambiano, rinviando il dossier alla Sem affinché prenda una nuova decisione “rispettosa dei considerandi della presente sentenza”.   

Guarda anche 

Muore annegato cercando di salvare il suo cane

Il corpo senza vita di un uomo di 73 anni è stato ritrovato nel Reno all'altezza della città di confine di Jestetten, in Germania. Il malcapitato era sc...
20.07.2019
Svizzera

Il Patto ONU che cova sotto la cenere

E’ un po’ che non si sente più parlare del patto ONU sulla migrazione, detto anche Global Compact. Quello che 165 Stati hanno sottoscritto nel dicembre...
19.07.2019
Svizzera

Fugge da un istituto psichiatrico, un poliziotto gli spara

Un uomo fuggito da un'istituto psichiatrico ha perso la vita mercoledì sera durante un'operazione di polizia a Berna. Ritenuto un "pericolo imminente&...
18.07.2019
Svizzera

La polizia sta cercando un caimano in un lago del canton Argovia

La polizia argoviese sta cercando un caimano avvistato domenica sera da un pescatore nel lago Hallwil. Sul posto, i bagnanti non sembrano preoccupati: tra i nuotatori che...
18.07.2019
Svizzera