Mondo, 24 dicembre 2018

Siria, Trump firma il ritiro delle truppe USA

Il Pentagono ha annunciato domenica la firma dell'ordine di ritiro delle truppe americane dalla Siria. Un ritiro che il presidente Donald Trump vuole "lento ed estremamente coordinato" con la Turchia.

"Il presidente della Turchia Erdogan mi ha assicurato in termini molto convincenti che sradicherà ciò che resta dell'ISIS in Siria" ha successivamente twittato il leader degli Stati Uniti. "Le nostre truppe stanno tornando a casa" ha aggiunto. Donald Trump ha anche detto che il suo omologo è in grado di mantenere questo impegno.



Trump è quindi apparso per fornire dettagli su una conversazione telefonica "molto produttiva" che ha avuto con Erdogan durante il giorno, durante il quale i due uomini hanno accettato di evitare un vuoto di potere in Siria dopo il ritiro americano.

"I due leader hanno concordato di coordinarsi con militari, diplomatici e altri leader dei loro paesi per evitare un vuoto di potere che potrebbe derivare dal ritiro (USA, ndr) e dalla transizione in Siria " ha detto la presidenza turca in una dichiarazione.

Mercoledì scorso Donald Trump aveva ordinato la partenza "il prima possibile" di circa 2'000 militari statunitensi di stanza nella Siria nord-orientale, dove combattono contro i jihadisti insieme alle forze democratiche siriane (SDF), una coalizione di milizie arabo-curde.

Il presidente americano, da tempo antagonista della presenza statunitense nel lungo conflitto, ha affermato che le truppe statunitensi non sono più utili perché il gruppo dello Stato Islamico (IS) è stato "sconfitto quasi del tutto".

Ankara teme che alle sue porte si stabilisca un embrione di uno stato curdo che rafforzerebbe le ambizioni separatiste della minoranza curda in Turchia. Erdogan ha promesso sabato di eliminare i jihadisti e le milizie kurde dalla Siria nord-orientale, e allo stesso tempo la Turchia ha inviato rinforzi militari nell'area, secondo una ONG presente in Siria.

Guarda anche 

I media di mezzo mondo lo hanno diffamato ingiustamente, ora chiede i danni per 250 milioni di dollari

Uno dei ragazzi facente parte del gruppo di cattolici che è stato preso di mira da innumerevoli media durante un confronto con un manifestante indigeno (ne parlava...
21.02.2019
Mondo

"Preferirei che i jihadisti in Siria siano giudicati dove sono"

Prendendo posizione riguardo alla questione del rimpatrio dei jihadisti con il passaporto svizzero prigionieri in Siria, la consigliere federale Karin Keller-Sutter ha de...
20.02.2019
Svizzera

Nonostante miliardi di profitti, Amazon non paga nemmeno un centesimo di imposte

Il gigante del commercio Amazon, che ha un valore stimato in circa 800 miliardi di dollari, dovrà pagare esattamente zero dollari al fisco, e questo nonostante abb...
19.02.2019
Mondo

Assad spiega perchè certi paesi sono contro il ritorno a casa dei rifugiati: “Temono di perdere finanziamenti”

La crisi dei rifugiati è una fonte di corruzione e di guadagno per funzionari statali e organizzazioni e per questo si oppongono al ritorno al loro ritorno a casa,...
18.02.2019
Mondo