Mondo, 19 dicembre 2018

Putin dichiara guerra al rap: "Porta al degrado la Russia"

Allarmato dalla crescente popolarità del rap tra i giovani russi, che porta con sé tutto ciò che riguarda la trasgressione nei locali notturni e gli ambienti legati alla droga, Putin ha negato i suoi detrattori che già immaginavano una repressione esplosiva con repressione e duro pugno: niente di tutto questo. Per affrontare il delicato problema, il presidente russo propone che i leader culturali preparino un mezzo per controllare, piuttosto che proibire, la musica popolare.


Tutto deriva dalle performance in stile "Acab" del rapper russo Husky, noto per le sue rime anti-governative, anti-istituzionali e anti-polizia. Avrebbe dovuto esibirsi in un concerto nella città di Krasnodar lo scorso 21 novembre ma i magistrati lo hanno impedito: l'artista è troppo legato "a elementi di estremismo", poi valutato come pericolo socio-culturale. Il concerto è stato poi spostato in un altro club, ma dove non è stato celebrato con i suoi fan che hanno affollato la piazza di fronte al locale. A quel punto, Dmitrij Kuznetsov (questo è il suo vero nome) ha cantato dal tetto di un'auto mentre i fan hanno risposto all'unisono. Per questo è stato arrestato e condannato a 12 giorni di carcere con l'accusa di vandalismo e ha rifiutato di sostenere un test antidroga.

C'erano numerosi club che dopo l'episodio hanno preferito cancellare le date delle sue esibizioni. La nuova generazione di adolescenti russi, bambini della classe media creata nell'ultimo decennio, mostra vari segni di affinità con la comunità virtuale del rap, ma poi si trasforma in vettore di propaganda come fatto dal politico dell'opposizione Alexei Navalny che nel marzo 2017 grazie alla musica e ai social network, ha attratto migliaia di giovani nelle strade.

Putin ha risposto all'idea del produttore Igor Matvienko, che ha chiesto di mettere in piedi un sistema di guida per i genitori: "Dici che il rap è basato su tre pilastri: sesso, droga e protesta. Di tutti questi, il farmaco è il più preoccupante, è la via per il degrado di un paese " le sue parole. Aggiungendo, sul fatto che il rap è pieno di espressioni scurrili nei testi, che un linguista gli ha detto "che le parolacce fanno parte del nostro linguaggio, il problema è proprio come gli usi".

Quindi non un rap di stato come qualcuno l'ha già definito, ma forme di gestione contro fenomeni che ovviamente non hanno nulla a che fare con la musica e le filastrocche anti-sistema. In quest'ottica è la proposta di Sergei Naryshkin, presidente del comitato organizzatore per la letteratura e il supporto editoriale: ha chiesto al ministero della cultura di istituire programmi di sussidi a sostegno dei rapper locali. Anche i servizi segreti dell'FSB sono scesi in campo per accompagnare le restrizioni e i controlli della polizia che hanno colpito gli artisti quotati negli ultimi mesi, tra cui Allj (il cui successo "Pink Wine" è stato visto da 176 milioni di utenti su YouTube), la pop star Monetochka , passando da Matrang, Jah Kahlib e HammAli & Navai.

Da qualche tempo nel Paese gruppi di volontari e associazioni di genitori si sono mobilitati contro alcune espressioni musicali che "hanno un'influenza negativa sulla società e sui giovani". Lo dimostrano i testi di alcuni cantanti rap che elogiano apertamente alla droga e al suicidio.

Guarda anche 

Stangata russa: niente Olimpiadi, causa doping

MOSCA (Russia) - Saranno delle Olimpiadi particolari quelle che si svolgeranno nei prossimi 4 anni: saranno Giochi Olimpici senza la Russia. Lo ha deciso l’Agenz...
09.12.2019
Sport

Dal Chiasso al campionato italiano: Pugliese pronto al salto

CHIASSO - Nonostante una classifica deficitaria, in casa Chiasso ci sono diversi giocatori che si stanno mettendo in mostra. Tra questi c’è il centrocampista...
05.12.2019
Sport

Nuovo attacco a un furgone portavalori nel canton Vaud, tre veicoli incendiati

Un nuovo attacco contro un furgone portavalori si è verificato lunedì nel Canton Vaud. Un furgone di proprietà della Posta è stato rapinato in...
03.12.2019
Svizzera

Ueli Maurer incontra Putin, "dialogo franco e concreto"

Un "dialogo franco, concreto e trasparente". Entusiasta dopo l'incontro durato due ore con Vladimir Putin al Cremlino, Ueli Maurer ha aggiunto giovedì...
22.11.2019
Svizzera