Sport, 09 dicembre 2018

Il Lugano gioca e spreca: col Sion è ancora 2-2

Nuova buona prestazione dei bianconeri che, pur meritando di più, non sono andati oltre l’ennesimo pareggio casalingo

LUGANO – Con la vittoria che manca all’appello da un mese e mezzo, e con la necessità di ritrovare la via del successo per non trascorrere un Avvento veramente complicato, il Lugano oggi pomeriggio tornava in campo ospitando il lanciatissimo Sion, reduce da tre vittorie consecutive. Se i vallesani arrivavano a Cornaredo con la speranza di confermare la loro crescita, i bianconeri, recuperando Gerndt e Daprelà, puntavano ad allontanarsi dalle zone calde della classifica.

Sceso in campo con la formazione preannunciata, il Lugano ha approcciato all’incontro costruendo la prima grande occasione con Junior, per poi incassare – come logica nel mondo dello sport – la rete del Sion, grazie all’inzuccata di Neitzke (14’) su calcio d’angolo ingenuamente concesso dalla difesa bianconera. Dopo un colpo di testa di Mihajlovic che ha dato l’illusione della rete e una parata di Da Costa su una pericolosissima punizione di Adryan, è stato Covilo a rimettere il risultato in parità (43’), deviando in rete un calcio piazzato battuto da Gerndt e conquistato con esperienza da Sulmoni.

Con le pesanti ammonizioni di Junior e di Bottani sul groppone (salteranno la partita di Zurigo), sommate a quella di Sabbatini, i padroni di casa sono tornati in campo con una sorpresa, ovvero con Baumann tra i pali al posto di Da Costa. Chi si aspettava un Lugano concentrato sulla difensiva, a protezione
del suo secondo portiere, si è dovuto ricredere: i ragazzi di Celestini hanno aggredito la partita, trovando il vantaggio in modo fortunoso con l’autorete di Bamert (49’), per poi sciupare tre grandissime palle-gol con Bottani in pochissimi minuti. Ma col Lugano di questo periodo, evidentemente, non si può mai stare tranquilli: in seguito a una palla non allontanata in area, Adryan dal limite ha fulminato l’incolpevole Baumann (73’), siglando il 2-2.

Ritrovata la parità, la sfida è diventata più confusa, frammentata, meno bella e più ricca di errori. Nonostante la buona volontà su entrambi i fronti, esattamente come settimana scorsa, la sfida è così terminata 2-2: un punto che serve a poco alla truppa di Celestini che resta ottava, col GC e lo Xamax sempre alle calcagna. Insomma, un’occasione sprecata, perché i bianconeri meritavano di più.

LUGANO-SION 2-2 (1-1)
Reti:
14’ Neitzke 0-1; 43’ Covilo 1-1; 49’ Bamert (aut.) 2-1; 73’ Adryan 2-2
LUGANO: Da Costa (46’ Baumann); Maric, Sulmoni, Daprelà; Mihajlovic, Covilo, Piccinocchi (78’ Brlek), Sabbatini; Bottani; Gerndt, Junior (84’ Macek).
Ammoniti: Junior, Sabbatini, Bottani, Mihajlovic (L); Zock, Philippe, Toma (S).
Note: Cornaredo, 3’865 spettatori.

Guarda anche 

Koskinen-Granlund-Thürkauf: il Lugano, forse, s’è desto…

LUGANO – “McSorley a rischio”. “Se perde il derby verrà esonerato”. Chi non ha pensato, o letto, queste cose prima di martedì ...
29.09.2022
Sport

“Anni ‘60, grandi passioni. Sono felice di esserci stato”

LUGANO - La moglie Orietta, fedele compagna di sempre, si raccomanda: “Adriano si è appena ripreso da un malanno, non lo faccia parlare troppo&rdqu...
29.09.2022
Sport

Sotto con la Cechia, tra salvezza ed Euro 2024

SAN GALLO – Croazia, Olanda, Italia e… Spagna o Portogallo. Saranno queste le nazionali che il prossimo giugno si sfideranno nella Final Four di Nations Leag...
27.09.2022
Sport

Arriva il primo derby: la parola a due super tifosi

LUGANO - Questa sera riprende la Grande Saga dello sport ticinese. Per qualcuno un appuntamento imperdibile: una specie di Palio di Siena locale, in cui nulla (o poc...
27.09.2022
Sport