Mondo, 03 dicembre 2018

Terzo fine settimana di mobilitazione in Francia, caos a Parigi

Sessantacinque persone sono state ferite, tra cui 11 membri delle forze di sicurezza, in proteste contro i prezzi del carburante e gli alti costi della vita nel centro di Parigi.

Immagini sconvolgenti hanno mostrato una dozzina di macchine incendiate nelle strade intorno alla famosa strada degli Champs-Elysees della capitale francese.



La polizia ha sparato gas lacrimogeni, granate stordenti e cannoni ad acqua in scontri con membri dei "gilet giall"" intorno agli Champs Elysees a Parigi sabato e scontri sono scoppiati in altre città della Francia in un terzo fine settimana di proteste.

La polizia ha detto che 200 persone sono state arrestate tra preoccupazioni che gruppi violenti di estrema destra e di estrema sinistra si siano infiltrati nel movimento dei "gilet gialli", un movimento di protesta spontanea che lotta contro nuove tasse e un costo della vita crescente.

Per più di due settimane, i "gilets jaunes" hanno bloccato le strade nelle proteste in tutta la Francia, ponendo una delle più grandi e difficili sfide che Emmanuel Macron ha dovuto affrontare nei suoi 18 mesi di presidenza.

A Parigi, manifestanti mascherati e incappucciati hanno eretto barricate e lanciato proiettili nel corso di scontri con la polizia in tutto il famoso viale degli Champs Elysees e in altre parti dei distretti centrali della capitale della capitale.

Diverse centinaia di gilet gialli, che non hanno un leader e si sono prevalentemente organizzati online, si sono seduti intorno alla Tomba del Milite Ignoto sotto l'Arco di Trionfo in cima al viale, cantando La Marsigliese, l'inno nazionale francese, e gridando "Macron Dimettiti!"

Sulla facciata del maestoso arco ottocentesco, i manifestanti hanno scritto in grandi lettere nere: "I gilet gialli trionferanno".



Dopo diverse ore di scontri al mattino, la polizia era apparso per sgomberare l'area intorno all'Arco, ma in seguito
i rivoltosi e manifestanti pacifici sono tornati. Scontri sono avvenuti anche nelle strade adiacenti dove sono state montate le barricate, i finestrini delle auto sono stati distrutti e almeno una dozzina di veicoli sono stati messi a fuoco.

L'aeroporto di Nantes nella Francia occidentale è stato chiuso per un breve periodo dopo che i manifestanti hanno raggiunto l'asfalto e gli scontri con la polizia sono scoppiati nel centro della città. A Tarbes, nel sud-ovest della Francia, e Le Puy-en-Velay, nel centro del paese, i manifestanti hanno assediato le stazioni di polizia locali. Scontri violenti sono scoppiati anche a Charleville Mezieres nel nord-est.



"Quale messaggio vogliono i giubbotti gialli oggi passare? Che abbiamo dato fuoco alla Francia, o trovare soluzioni? Trovo questo (violenza) assurdo", ha detto alla televisione BFM Jacque Mouraud, un attivista di primo piano nel movimento dei giubbotti gialli.

Ma un manifestante in pensione giallo ha detto: "Il governo non sta ascoltando: la rivoluzione non può avvenire senza violenza".

L'esplosione di rabbia è più forte alla periferia delle città e dei villaggi di provincia più piccoli, e sottolinea il divario tra le élite metropolitane e gli elettori della classe lavoratrice che ha rafforzato la politica anti-establishment in tutto il mondo occidentale.



L'impulso immediato per l'ondata di protesta è stata la decisione di Macron di aumentare le tasse sul gasolio in una mossa per incoraggiare la guida di auto meno inquinanti.

I giubbotti gialli, che godono di un ampio sostegno pubblico, prendono il loro nome dalle giacche ad alta visibilità che tutti gli automobilisti francesi devono portare nei loro veicoli.

Le proteste hanno colto alla sprovvista Macron proprio mentre stava cercando di contrastare una caduta del suo indice di popolarità al 30%. La sua inflessibile risposta lo ha esposto alle accuse di non essere in contatto con la gente comune.

Guarda anche 

Macron ha perso la maggioranza dei seggi in Parlamento

La République en Marche (Lrem), il partito politico fondato dal presidente francese Emmanuel Macron nel 2016, ha perso la maggioranza assoluta dei s...
21.05.2020
Mondo

Presidente di un'associazione pro-migranti ucciso da un richiedente l'asilo che ospitava

La polizia francese ha arrestato un richiedente l'asilo afgano sospettato di aver ucciso il presidente di un'associazione che fornisce assistenza a migranti e ric...
15.05.2020
Mondo

Parigi invasa da un insolito odore di zolfo

Un forte odore di zolfo ha investito Parigi nella notte da domenica a lunedì e sono in corso analisi per determinarne l'origine, con risultati attesi "dur...
11.05.2020
Mondo

Accusato di un brutale omicidio in Francia, lo ritrovano sei mesi dopo in Svizzera

Uno dei principale sospettati di un brutale omicidio avvenuto lo scorso novembre a Parigi è stato arrestato il 20 aprile a Ginevra. Lo riferisce il sito "Le P...
10.05.2020
Svizzera