Sport, 02 dicembre 2018

Errori ed orrori: il Lugano cade sempre sui suoi difetti

La sconfitta di venerdì ha complicato anche la situazione in classifica: i bianconeri non sono mai in grado di imparare dagli errori commessi

LUGANO – Sbagliando si impara, dice un famoso detto. Evidentemente questo modo di dire dalle parti della Cornèr Arena non è risaputo se è vero che il Lugano non riesce assolutamente a imparare nulla dai propri errori. La partita persa venerdì contro il Bienne fotografa appieno sia questa condizione mentale dei ragazzi di Ireland, sia la loro stagione.

Una stagione che Chiesa e compagni possono ancora raddrizzare – mancano 28 partite al termine della regular season – ma potranno farlo soltanto reagendo da squadra, ripartendo dall’incredibile KO rimediato in casa col Bienne e dalla riunione-fiume avuta al termine del match nello spogliatoio della Cornér Arena. Perché se è vero che in passato anche squadre come Zurigo e Berna hanno vissuto regular season negative, per poi risvegliarsi nei playoff, in questo momento il Lugano non dà segni di risveglio. In trasferta non vince quasi mai, se ora inizia a perdere anche in casa…

Venerdì dagli spalti della pista luganese si sono
sollevati, ingenerosi, i fischi nei confronti dell’ex Damien Brunner, autore di una tripletta, ma forse i fischi – per stimolare una reazione – li avrebbe meritati qualcun altro, a dirla tutta. Perché la mancanza di carattere, di forza mentale in questa squadra è evidente: ancora una volta i bianconeri non hanno pagato lacune tecniche o tattiche, ma assolutamente mentali. Le penalità assurde subite per reazioni senza senso sono state immediatamente pagate, con reti e con la sconfitta… è sembrato di rivedere lo stesso film della sfida giocata alla Tissot Arena, o anche alla Ilfis, quando guarda caso, il Lugano comandava per 2-0 prima di subire l’assurda rimonta.

Ora risulta evidente che i derby di venerdì e sabato peseranno tantissimo, sia sulla testa che sulla classifica, e potrebbero far paura. L’Ambrì in questo momento è la squadra più in forma di tutte, viaggia a un ritmo insostenibile per tutte, figuriamoci per questo Lugano che già si trova a -3 dalla riga…

Guarda anche 

"Sul polo sportivo non cadiamo nel tranello di litigare"

Ho letto le parole di Fulvio Pelli sul Corriere del Ticino in merito al polo sportivo. Mi sembrano le prime avvisaglie ad un possibile ricorso che spero non arriver&ag...
26.05.2020
Opinioni

Summer Jamboree on the Lake e la mostra Rock’n’Roll is a State of the Soul vi aspettano nel 2021

L’evento anni ‘50 tanto atteso sulle rive del Ceresio previsto per la prima volta in Svizzera, dal 4 al 7 giugno 2020, non avrà luogo, nel rispe...
13.05.2020
Ticino

Casinò Lugano, non si molla e si resta online!

Nonostante la chiusura a causa della pandemia il Casinò Lugano è sempre attivo sul sito ufficiale, sulle pagine social Facebook e Instagram, sui giornali...
04.05.2020
Ticino

Il presidente PS offende gratuitamente l’istituto scolastico

Il presidente della sezione PS di Lugano nonché consigliere comunale Raoul Ghisletta si produce nell’ennesima dimostrazione di pochezza ed astio, oltre che d...
02.05.2020
Ticino