Sport, 02 dicembre 2018

Errori ed orrori: il Lugano cade sempre sui suoi difetti

La sconfitta di venerdì ha complicato anche la situazione in classifica: i bianconeri non sono mai in grado di imparare dagli errori commessi

LUGANO – Sbagliando si impara, dice un famoso detto. Evidentemente questo modo di dire dalle parti della Cornèr Arena non è risaputo se è vero che il Lugano non riesce assolutamente a imparare nulla dai propri errori. La partita persa venerdì contro il Bienne fotografa appieno sia questa condizione mentale dei ragazzi di Ireland, sia la loro stagione.

Una stagione che Chiesa e compagni possono ancora raddrizzare – mancano 28 partite al termine della regular season – ma potranno farlo soltanto reagendo da squadra, ripartendo dall’incredibile KO rimediato in casa col Bienne e dalla riunione-fiume avuta al termine del match nello spogliatoio della Cornér Arena. Perché se è vero che in passato anche squadre come Zurigo e Berna hanno vissuto regular season negative, per poi risvegliarsi nei playoff, in questo momento il Lugano non dà segni di risveglio. In trasferta non vince quasi mai, se ora inizia a perdere anche in casa…

Venerdì dagli spalti della pista luganese si sono
sollevati, ingenerosi, i fischi nei confronti dell’ex Damien Brunner, autore di una tripletta, ma forse i fischi – per stimolare una reazione – li avrebbe meritati qualcun altro, a dirla tutta. Perché la mancanza di carattere, di forza mentale in questa squadra è evidente: ancora una volta i bianconeri non hanno pagato lacune tecniche o tattiche, ma assolutamente mentali. Le penalità assurde subite per reazioni senza senso sono state immediatamente pagate, con reti e con la sconfitta… è sembrato di rivedere lo stesso film della sfida giocata alla Tissot Arena, o anche alla Ilfis, quando guarda caso, il Lugano comandava per 2-0 prima di subire l’assurda rimonta.

Ora risulta evidente che i derby di venerdì e sabato peseranno tantissimo, sia sulla testa che sulla classifica, e potrebbero far paura. L’Ambrì in questo momento è la squadra più in forma di tutte, viaggia a un ritmo insostenibile per tutte, figuriamoci per questo Lugano che già si trova a -3 dalla riga…

Guarda anche 

Ginevra, appuntamento con la storia

GINEVRA – I bagordi, la gioia e i festeggiamenti per il titolo svizzero conquistato la scorsa primavera sembrano lontani, sembrano un po’ offuscati, visto qua...
20.02.2024
Sport

Un rosso di troppo e il Lugano si lecca le ferite

GINEVRA – Si sperava, in casa Lugano, che l’effetto Europa si facesse sentire sul Servette, reduce dalla sfida di giovedì sera contro il Ludogorets nei...
19.02.2024
Sport

“Fischer per altri 2 anni? Scelta incomprensibile!”

LUGANO - Undici sconfitte consecutive e un Mondiale deludente (del 2023) non sono bastati per cambiare la guida tecnica della Nazionale! Patrick Fischer resta sulla ...
20.02.2024
Sport

Lugano, una ripartenza a tutto gas. L'Ambrì espugna Berna

LUGANO - Show alla Bossard Arena! Il Lugano annichilisce lo Zugo, terza forza del massimo campionato, e ritorna fra le prime sei in attesa del Davos, che oggi ospita...
18.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto