Sport, 02 dicembre 2018

Errori ed orrori: il Lugano cade sempre sui suoi difetti

La sconfitta di venerdì ha complicato anche la situazione in classifica: i bianconeri non sono mai in grado di imparare dagli errori commessi

LUGANO – Sbagliando si impara, dice un famoso detto. Evidentemente questo modo di dire dalle parti della Cornèr Arena non è risaputo se è vero che il Lugano non riesce assolutamente a imparare nulla dai propri errori. La partita persa venerdì contro il Bienne fotografa appieno sia questa condizione mentale dei ragazzi di Ireland, sia la loro stagione.

Una stagione che Chiesa e compagni possono ancora raddrizzare – mancano 28 partite al termine della regular season – ma potranno farlo soltanto reagendo da squadra, ripartendo dall’incredibile KO rimediato in casa col Bienne e dalla riunione-fiume avuta al termine del match nello spogliatoio della Cornér Arena. Perché se è vero che in passato anche squadre come Zurigo e Berna hanno vissuto regular season negative, per poi risvegliarsi nei playoff, in questo momento il Lugano non dà segni di risveglio. In trasferta non vince quasi mai, se ora inizia a perdere anche in casa…

Venerdì dagli spalti della pista luganese si sono sollevati, ingenerosi, i fischi nei confronti dell’ex Damien Brunner, autore di una tripletta, ma forse i fischi – per stimolare una reazione – li avrebbe meritati qualcun altro, a dirla tutta. Perché la mancanza di carattere, di forza mentale in questa squadra è evidente: ancora una volta i bianconeri non hanno pagato lacune tecniche o tattiche, ma assolutamente mentali. Le penalità assurde subite per reazioni senza senso sono state immediatamente pagate, con reti e con la sconfitta… è sembrato di rivedere lo stesso film della sfida giocata alla Tissot Arena, o anche alla Ilfis, quando guarda caso, il Lugano comandava per 2-0 prima di subire l’assurda rimonta.

Ora risulta evidente che i derby di venerdì e sabato peseranno tantissimo, sia sulla testa che sulla classifica, e potrebbero far paura. L’Ambrì in questo momento è la squadra più in forma di tutte, viaggia a un ritmo insostenibile per tutte, figuriamoci per questo Lugano che già si trova a -3 dalla riga…

Guarda anche 

Lugano lanciatissimo: addirittura secondo!

ZURIGO - Per una notte i bianconeri sono secondi in classifica. Bene. Non accadeva dallo scorso inverno, quando sulla panchina c'era Maurizio ...
28.11.2021
Sport

È il Black Friday: ecco l’attesa

LUGANO - Venerdì 26 novembre. Per gli amanti dello shopping questa data vuole dire una sola cosa: Black Friday.   E infatti, ancora prima dell’o...
26.11.2021
Ticino

Marius Antonietti attacca: “Ticino, vita dura per i pugili”

LUGANO - Marius Black Antonietti (30 anni) ha dedicato e dedica anima e corpo al pugilato, uno sport che vive con grande intensità e dedizione. Ha vint...
26.11.2021
Sport

Chad Silver, la fine tragica di un ragazzo perbene

Il 1998 verrà ricordato per le gesta sportive della Francia multietnica campione del mondo, per la doppietta di Marco Pantani (Giro e Tour), per il caso Fes...
25.11.2021
Sport