Sport, 23 novembre 2018

Lugano cinico, bello e spietato: il Friborgo non ha scampo

I bianconeri hanno conquistato 3 punti importanti, battendo alla Cornèr Arena il Friborgo col tennistico risultato di 6-0: Lapierre brinda al suo ritorno con un gol

LUGANO – Salutata martedì la Champions Hockey League, al termine di una prestazione gagliarda ma sfortunatamente infelice, con la necessità di trovare al più presto ritmo e continuità in campionato, questa sera il Lugano tornava in pista ospitando alla Cornèr Arena il Friborgo. Una formazione, quella incontrata e battuta lo scorso anni nei quarti di finale dei playoff, reduce da quattro successi nelle ultime cinque uscite: Ireland per affrontare i Dragoni ha potuto fare affidamento su Lapierre, decidendo di confinare Haapala nel ruolo di straniero in sovrannumero. In difesa, ancora fuori Ronchetti e Sartori, anche Jecker è rimasto a guardare.

Nel primo tempo, caratterizzato dalla saetta di Chiesa (8’) e dal raddoppio proprio del rientrante numero 25 (18’ su topica colossale di Berra dietro la sua porta), l’equilibrio l’ha fatta da padrone per lunghi tratti. Padroni di casa e burgundi hanno infatti avuto diverse occasioni per lasciare il segno – clamorosa quella fallita da Miller al 7’ –, ma alla fine il doppio vantaggio ha premiato chi la porta l’ha “vista” e cercata di più.

Un equilibrio che si è tramutato in fretta e furia in dominio incontrastato nel corso del periodo centrale, durante il quale il Lugano ha mostrato di saper essere cinico, mettendo in mostra ottime trame di gioco e riuscendo a colpire con regolarità: Ulmer (22’), Fazzini (24’ in powerplay) e Klasen (31’) hanno così chiuso l’incontro. A nulla sono valsi i tentativi disperati di French di togliere Berra, inserendo Waeber (24’), e di chiamare il time-out: il suo Friborgo non ha mai dato segni di vita.

È così risultato facile per i bianconeri, che non hanno mai smesso di mordere e di cercare la via della rete (trovandola con Lajunen al 57’), conquistare i tre punti e far propria la partita, dando una risposta importante all’eliminazione subita in Europa, concedendo anche il privilegio a Merzlikins di brindare al secondo shutout stagionale in campionato (a cui si sommano i due ottenuti in Champions Hockey League contro l’JYP).

La Cornèr Arena resta quindi un fortino inespugnabile, ora occorrerà invertire la tendenza lontano dalle sponde del Ceresio: per risalire la graduatoria urgono punti esterni, per trovare continuità e far aumentare la fiducia. La trasferta di domani di Rapperswil potrebbe capitare, si spera, a puntino…

LUGANO-FRIBORGO 6-0 (2-0; 3-0; 1-0)
Reti:
7’51 Chiesa 1-0; 17’42 Lapierre (Sannitz) 2-0; 21’39 Ulmer (Klasen) 3-0; 23’08 Fazzini (Chorney, Hofmann/5c4) 4-0; 30’52 Klasen (Loeffel) 5-0; 56’26 Lajunen 6-0
LUGANO: Merzlikins; Chorney, Chiesa; Hofmann, Sannitz, Lapierre; Wellinger, Ulmer; Jörg, Lajunen, Walker; Vauclair, Loeffel; Klasen, Morini, Bürgler; Riva, Reuille; Bertaggia, Romanenghi, Fazzini.
Penalità: 3x2’ Lugano; 3x2’ Friborgo.
Note: Cornèr Arena, 6047 spettatori.

Guarda anche 

Lugano lanciatissimo: addirittura secondo!

ZURIGO - Per una notte i bianconeri sono secondi in classifica. Bene. Non accadeva dallo scorso inverno, quando sulla panchina c'era Maurizio ...
28.11.2021
Sport

È il Black Friday: ecco l’attesa

LUGANO - Venerdì 26 novembre. Per gli amanti dello shopping questa data vuole dire una sola cosa: Black Friday.   E infatti, ancora prima dell’o...
26.11.2021
Ticino

Marius Antonietti attacca: “Ticino, vita dura per i pugili”

LUGANO - Marius Black Antonietti (30 anni) ha dedicato e dedica anima e corpo al pugilato, uno sport che vive con grande intensità e dedizione. Ha vint...
26.11.2021
Sport

Chad Silver, la fine tragica di un ragazzo perbene

Il 1998 verrà ricordato per le gesta sportive della Francia multietnica campione del mondo, per la doppietta di Marco Pantani (Giro e Tour), per il caso Fes...
25.11.2021
Sport