Sport, 19 novembre 2018

Dallo sconforto di Lugano, alla Final Four di Nations League: che spettacolo questa Svizzera

Seferovic e Mbabu su tutti hanno impressionato nella storica serata di Lucerna: il 5-2 di ieri proietta la Nazionale nell’olimpo del calcio europeo

LUCERNA – Mercoledì in molti, se non tutti, avevano le mani nei capelli dopo la triste prestazione offerta dalla Svizzera contro il Qatar: “giocando così contro il Belgio ne prendiamo sei”, “contro il Belgio rischiamo una scoppola”, mormoravano in molti sulle tribune di Cornaredo. E in effetti, se la Nazionale ieri sera non si fosse svegliata dal letargo dopo 25’ di partita, il match con i Diavoli Rossi si sarebbe potuto mettere davvero male… perché nella prima parte, non c’è praticamente stata partita: tra l’errore clamoroso di Elvedi in difesa, le continue mancanze tecniche in fase difensiva e le amnesie mentali dei rossocrociati si è davvero rischiato il cappotto.

E invece questa Svizzera, finalmente, non si è sciolta nei momenti importanti, non ha deragliato come avvenuto recentemente nelle partite decisive, e ha stritolato una nazionale che poteva schierare i fratelli Hazard, Mertens, Witsel, Courtois… alcune delle stelle del calcio internazionale! Questa Svizzera è riuscita in una rimonta clamorosa, dallo 0-2 al 5-2, non potendo contare su Schär e Akanji, ovvero il vero muro difensivo che avevamo creato e formato ultimamente e neanche su Embolo e Mehmedi, costringendo Petkovic a schierare Fernandes esterno di centrocampo (!)

Ovviamente il mattatore della serata è stato Seferovic: quasi sempre criticato, l’attaccante questa volta ha vestito i panni del bomber vero, del bomber di razza e merita un voto altissimo in pagella (9?).

La serata di Lucerna ha anche consacrato al calcio che conta Kevin Mbabu: il 23enne esterno destro dell’YB è stato una vera e propria spina nel fianco del Belgio, vincendo ogni contrasto, ogni scontro diretto con i suoi rivali e fornendo anche un assist per Seferovic… insomma, un ira di Dio che difficilmente riusciremo a vedere ancora a lungo in Super League. Molto positive anche le prestazioni di Rodriguez e di Shaqiri, anche se bisogna dire che la Svizzera ha faticato molto in fase difensiva, ma è apparsa devastante in quella offensiva.

Un buon punto di partenza, quindi, per prepararsi a lottare per vincere davvero questa Nations League. Chiaro che Francia (o Olanda), Inghilterra e Portogallo sono tutte delle grandi potenze, ma anche il Belgio sembrava uno scoglio insormontabile e invece…

Guarda anche 

Canone TV, le fatture sbagliate di Serafe finiscono sui banchi del parlamento

Gli errori di fatturazione di Serafe, la nuova ditta di riscossione del canone radiotelevisivo all'inizio dell' anno preoccupano la commissione di gestione del Co...
23.02.2019
Svizzera

GALLERY - La compagna era incinta, Martial flirtava con un’altra: alla fine arrivano le scuse

MANCHESTER (Gbr) – Alla fine ci ha pensato direttamente lui a chiarire la situazione: Anthony Martial, infatti, è uscito allo scoperto chiedendo scusa tramit...
22.02.2019
Sport

“Godin 2-0”: a Milano già sfottono la Juventus

MILANO (Italia) – Che tra Inter e Juventus non corra buon sangue si sa. Che l’Inter sia stata l’ultima squadra italiana ad alzare la Champions League e ...
22.02.2019
Sport

Pazzesco Sala: “Lo hanno ucciso”. “Il suo contratto col Cardiff non era valido”

LONDRA (Gbr) – Ogni giorno che passa si fa sempre più complicato, intricato e confuso il caso relativo alla morte di Emiliano Sala, il giocatore argentino pe...
22.02.2019
Sport