Mondo, 17 novembre 2018

"Il patto ONU per la migrazione è il primo passo per far diventare l'immigrazione un diritto dell'uomo"

Il dottor Alexander Gauland (nella foto), un parlamentare tedesco del partito AfD, in un discorso davanti al parlamento tedesco spiega le sue obiezioni alla prospettiva che la Germania firmi il Patto ONU per la migrazione. "Nel patto ONU per la migrazione l'immigrazione viene presentata unicamente come fonte di prosperità e sviluppo sostenibile" afferma Gauland "ma non si menziona il fatto che l'immigrazione può anche avere un effetto destabilizzante sui paesi che ne sono colpiti". Gauland sostiene inoltre che l'asilo e l'immigrazione non sono sufficientemente differenziati nel testo del trattato e che gli interessi dei paesi "bersaglio" dell'immigrazione non vengono considerati.

"Nel patto tutti i paesi sono considerati come paesi di partenza, di transito e di arrivo dell'immigrazione, quando sappiamo benissimo che la maggior parte dei paesi che firmerà quest'accordo non sarà mai un paese di destinazione per migranti" afferma Gauland "questo documento è il primo passo per fare dell'immigrazione un diritto dell'uomo senza che le leggi dei singoli paesi siano presi in considerazione".

Gauland poi cita alcuni passaggi critici del trattato, come quello in cui i paesi firmatari si "impegnano ad assicurare a qualunque migrante, indipendentemente dal suo status legale, un accesso ai servizi di base". In altre parole, sostiene Gauland, si assicura ai migranti la possibilità di "immigrare nello stato sociale" di una nazione.

Un'altro aspetto critico per Gauland è quello della "non vincolanza" del trattato. L'insieme del patto sarebbe una serie di "impegni non vincolanti", un concetto contradditorio secondo il parlamentare di AfD. "Cari signori sui banchi del governo, quanto ci credete stupidi noi e i vostri elettori?" chiede retoricamente Gauland, girandosi verso la sua destra dove siedono gli esponenti del governo tedesco.

Gauland infine cita il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, il quale aveva espresso il timore, per spiegare il rifiuto dell'Austria di firmare il patto, che una volta entrato in vigore il patto influenzi i tribunali internazionali nel limitare la sovranità dei singoli stati di limitare l'immigrazione nel loro territorio. "Questo patto si trova sulla strada che porterà le nazioni a cedere la propria sovranità" conclude Gauland "i sognatori di sinistra e le èlite mondialiste vogliono trasformare la nostra nazione in una zona di insediamento permanente".

Il discorso di Gauland è disponibile su YouTube, in tedesco sottotitolato in inglese, cliccando qui.

Guarda anche 

L'immigrazione è aumentata nel 2018 (nonostante l'entrata in vigore dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa)

Nel 2018, oltre 140'000 persone sono immigrate in Svizzera, l'1,7% in più rispetto all'anno precedente. Questo nonostante l'entrata in vigore della...
15.02.2019
Svizzera

Ungheria, Orban vara piano per la natalità: "Solo gli Ungheresi possono dare un futuro alla propria nazione, non gli immigrati"

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha presentato in questi giorni al parlamento di Budapest la propria strategia per favorire la natalità, f...
14.02.2019
Mondo

Immigrazione clandestina, tesseramenti fittizi e plusvalenze insensate: scoppia il caos nel calcio

LA SPEZIA (Italia) – Non si sa a cosa potrà portare, non si sa se potrebbe sollevare un gran polverone oppure gettare nel caos più totale il mondo del...
12.02.2019
Sport

Nel 2018 regolarizzato un numero record di clandestini in Svizzera

In Svizzera l'anno scorso sono stati regolarizzati 840 clandestini, un aumento del 20% rispetto all'anno precedente. Vi sono tra 50'000 e 100'000 stranier...
11.02.2019
Svizzera