Mondo, 31 ottobre 2018

Il mercatino di Natale in Belgio adesso si chiama mercato d'inverno, "per essere più neutrali"

foto hln.be
Il mercatino di Natale di Bruges, in Belgio, adesso si chiama "mercato d'inverno". Un cambiamento che però non fa felici tutti.

Gli organizzatori, riferisce il portale belga hln.be, hanno cambiato il nome per non offendere le persone di un'altra religione. "Inaccettabile che il legame con il Natale sia ignorato", criticano però gli avversari.

Il presepe natalizio verrà ancora allestito ma le decorazioni natalizie verranno sostituite con "decorazioni invernali". "Incredibile e incomprensibile" tuona il senatore Pol Van Den Driessche del partito nazionalista fiammingo N-VA. "Il mercatino di Natale di Bruges è una bella e antica tradizione e, che siate religiosi o meno, fa parte della nostra cultura. Non voglio cedere a queste stupide forme di tolleranza".

Gli organizzatori del mercatino da parte loro si dicono sorpresi della polemica. "Con il nome mercato d'inverno vogliamo essere più neutrali. Non capiamo da dove arriva questa agitazione, è già il secondo anno che il nome è cambiato".

Bruges non è l'unica grande città belga ad avere cambiato il nome ufficiale del proprio mercato natalizio. Bruxelles, Anversa, Gand e Hasselt hanno nel frattempo tutti optato per la variante "mercato di inverno".

Guarda anche 

Due rapinatori ultraviolenti condannati a 16 e 14 anni di carcere

L'11 dicembre 2017, camminando nel cuore della notte in una via di Ginevra, un uomo era stato preso di mira da due delinquenti che volevano derubarlo. Armati di colte...
24.02.2020
Svizzera

Un Consigliere nazionale è indagato dalla Turchia per sostegno al terrorismo

La Turchia ha aperto un’inchiesta penale nei confronti del consigliere nazionale basilese Mustafa Atici (PS, al centro nella foto), secondo quanto riferisce il gior...
14.02.2020
Svizzera

La 15enne Sandra e suo padre aggrediti e minacciati da tre richiedenti l'asilo, “mi hanno puntato una pistola alla tempia”

Con un articolo pubblicato questo fine settimana il Blick è tornato sulla vicenda dell'aggressione di tre richiedenti l'asilo ai danni di una 15enne e di s...
10.02.2020
Svizzera

Il marito l’ha picchiata, quindi non può essere espulsa

Il Tribunale federale ha annullato la decisione della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) di espellere una cittadina algerina. Visto che è stata picchiata d...
09.02.2020
Svizzera