Mondo, 23 ottobre 2018

Nel campo profughi infiltrato dall'estremismo islamico e dal crimine organizzato

Il campo profughi di Moria, sull'isola di Lesbos in Grecia, è il più grande e affollato in Europa. Descritto come "il peggiore campo profughi d'Europa", più di 8'000 persone ci vivono ammassate in condizioni igieniche e di sicurezza carenti nella speranza di un giorno raggiungere il continente europeo. In seguito a voci che il campo è stato infiltrato da membri del cosidetto Stato islamico (ISIS), l'emittente televisiva tedesca "Deutsche Welle" si è recata sul posto per un'inchiesta. Incontrano uno degli ospiti di lunga data del centro che gli mostra delle immagini di violenze registrate con il suo telefono, violenze di cui gli autori sarebbero autoproclamati militanti dello Stato islamico. "Ti attaccano in gruppi di 20 persone usando bastoni di metallo e gridando gli stessi slogan usati dai militanti dell'ISIS" racconta l'uomo.

In seguito raggiungono Jafar, un ospite iracheno del campo. "Quelli dell'ISIS hanno cercato di reclutarmi, sono dei fanatici e sono molto pericolosi. Hanno spie ovunque" afferma in un inglese stentato. Guidati da un altro ospite, i reporter tedeschi fanno un giro del campo. Tra montagne di spazzatura, finestre rotte e scritte islamiche sui muri raggiungono un altro uomo, che spiega loro di come questi estremisti islamici diano la caccia ai curdi presenti sul campo.

Ma cosa fanno le autorità greche per fermare la criminalità e l'estremismo islamico nel campo. I reporter hanno cercato di contattare la polizia presente sull'isola ma questa ha rifiutato di farsi intervistare. L'unica misura citata è che le autorità greche hanno preso in considerazione di chiudere il campo in futuro. Il servizio si sposta poi sul continente, a Atene, dove incontrano membri della comunità curda passati anche loro da Lesbos. Raccontano anche loro delle violenze subite nel campo e di come vivono nel terrore di essere raggiunti sul continente dalle persone che hanno abusato di loro sull'isola. "Questa cosa di essere raggiunti dai loro aguzzini la sentiamo ripetutamente, e alcuni dei presunti militanti dell'ISIS hanno già potuto raggiungere il continente. Se porteranno la loro violenza altrove in Europa, rimane da vedere" si conclude così, con le immagini dell'acropoli di Atene il servizio di "Deutsche Welle" sul campo profughi di Moria. Il servizio completo è disponibile su youtube (qui in tedesco, qui in inglese).

Guarda anche 

È un Lugano pronto…a tifare Basilea!

BERNA - Il campionato di Super League è fermo, il pallone questa domenica non rotolerà sui campi del campi del massimo campionato svizzero di calcio, m...
19.05.2019
Sport

Berna offrirà 12'000 franchi a chi assume un rifugiato

Il Consiglio federale ha presentato ieri un progetto pilota volto a favorire l'assunzione di rifugiati. L'obiettivo è ridurne la dipendenza dall'aiuto ...
16.05.2019
Svizzera

Rifugiato con tre mogli, 14 figli e nessun lavoro: “Non vedo l'ora che diventiamo tedeschi”

Abboud Sweid è un rifugiato siriano che ha ottenuto asilo in Germania nel 2015. Ha tre mogli e 13 figli, che presto saranno 14. Dal momento che non lavora, lo stat...
13.05.2019
Mondo

I richiedenti l'asilo eritrei "fuggono" dalla Svizzera per andare in Francia e in Germania

Dalla primavera del 2018, la Svizzera ha inasprito la sua politica d'asilo nei confronti degli eritrei che rappresentano il loro più grande contingente di rich...
13.05.2019
Svizzera