Sport, 23 ottobre 2018

Defoe, un tatuaggio per ricordare il piccolo Bradley: “Per te amico mio”

L’attaccante si è tatuato sul polso il nome del tifoso del Sunderland scomparso a causa del cancro

BOURNEMOUTH (Gbr) – È stata un’amicizia vera, profonda che ha commosso tutti quella tra Jermain Defoe e il piccolo Bradley Lower, il piccolo tifoso del Sunderland che ha perso la sua battaglia contro il cancro e l’attaccante ora in forza al Bournemouth non lo  ha dimenticato e non lo vuole dimenticare, tanto da rendergli omaggi a un anno e mezzo dalla sua scomparsa.

“Per te, mio migliore amico”, ecco l’annuncio sociale di Defoe che si è fatto tatuare sul polso destro il nome del piccolo Brad.

L’amicizia tra i due aveva fatto il giro del mondo, quando Defoe aveva portato con sé in campo a Wembley, per la sfida tra Inghilterra e Lituania, il piccolo Bradley, scomparso all’età di 6 anni nel luglio del 2017 per un neuroblastoma. Durante l’inno il giovane tifoso aveva abbracciato Jermain portandogli
anche fortuna visto che l’attaccante riuscì a tornare al gol con la maglia dei “Tre Leoni” dopo 1227 giorni.

"Non ci credo sia già passato un anno dalla tua scomparsa amico mio. Mi manchi, ma sono sicuro tu sia al mio fianco ogni giorno. Mi hai cambiato la vita, sei una fonte di ispirazione", ha commentato Defoe.

Guarda anche 

L'Ecuador sconfigge il Qatar nella partita d'esordio dei mondiali

Nella partita di inaugurazione della Coppa del Mondo 2022 l'Ecuador ha sconfitto per 2 a 0 il Qatar, paese organizzatore dell'evento. I sudamericani hanno domi...
20.11.2022
Sport

Lugano, eccoti la pausa più dolce possibile

LUGANO – YB 35 punti. Servette, secondo, 25. La classifica di Super League, per quanto concerne la lotta per il titolo, sembra bella che impacchettata: andare a pre...
14.11.2022
Sport

Prima di Steffen ci fu Vivas: ma sono già passati 24 anni

LUGANO - Prima di Renato Steffen, chiamato da Murat Yakin per gli imminenti Mondiali del Qatar, chi è stato l’ultimo bianconero ad essere convocato per ...
14.11.2022
Sport

“Rossocrociati da semifinale!”

LUGANO - Michel Pont non ha certo dimenticato la sua breve esperienza in Ticino. “Quell’anno trascorso a Lugano (1996/ 1997, ndr) fu molto...
13.11.2022
Sport