Mondo, 06 ottobre 2018

L'ondata populista arriva in Brasile ? Presidenziali al via con Bolsonaro favorito

Il candidato presidenziale Jair Bolsonaro – definito dai media come il "Trump brasiliano" - è diretto verso la vittoria domenica mentre i brasiliani si recano alle urne per scegliere tra 13 candidati alle elezioni del primo turno del 7 ottobre, da cui emergeranno due candidati che si sfideranno poi al ballottaggio il 28 ottobre. Questo dopo che fu quasi assassinato un mese prima, quando un militante di sinistra ha accoltellato il candidato populista in una manifestazione elettorale, forando il suo intestino in tre punti.

E, incredibilmente, è stato il fatto che, nonostante sia stato assente dal dibattito presidenziale più guardato durante la campagna a causa della sua lenta ripresa dalle gravi ferite, il suo nome è ancora riuscito a dominare tale dibattito.

I media brasiliani e internazionali hanno ampiamente riconosciuto l'evidenza - che Bolsonaro è stato "l'argomento principale - e obiettivo" tra i suoi colleghi concorrenti – nonostante non si sia nemmeno presentato a causa degli ordini del medico. Sebbenesia stato in grado soltanto di rilasciare un'intervista televisiva da casa, rimane il favorito nelle elezioni presidenziali di domenica.

La prospettiva di una vittoria di Bolsonaro, in modo non dissimile da quanto era successo con Donald Trump, ha messo nel panico media e organizzazioni di sinistra in un panico esasperato, con The Guardian, ad esempio, in un articolo di venerdì che ammoniva che "la prospettiva della vittoria di Bolsonaro alimenta i timori del ritorno alla dittatura ". E The Intercept ha deplorato che l'attuale leader del Brasile sia un "ex capitano dell'esercito infuocato con una storia di omofobia, razzismo e misogini, tra cui dichiarazioni di tortura e sostegno per gli omicidi della polizia".

Settimane prima dell'accoltellamento del 6 settembre, The Economist ha descritto una storia che illustra come Bolsonaro sarebbe "una minaccia per la democrazia" (all'epoca la pubblicazione lo descriveva come "un esponente di destra che spara fiamme").

Ma a quanto pare questo diluvio di attenzioni - soprattutto dopo il tentato omicidio lo ha spinto sotto i riflettori dei media internazionali - ha solo aumentato la sua popolarità, anche se i media affermano che il Brasile con Bolsonaro sarebbe sulla via del ritorno alla dittatura.

"La gente comincerà a vedere Bolsonaro come una vittima", ha predetto Luiz Roberto Monteiro, un analista del giornale brasiliano Renascenca, subito dopo l'accoltellamento.

Bolsonaro, una volta temuto dagli investitori a causa di commenti contro le privatizzazioni e gli investimenti privati, è diventato l'opzione più valida contro la sinistra, di fronte alle percentuali misere che candidati pro-establishment raccolgono nei sondaggi. E ora si appresta a stravincere le elezioni anche se è stato assente per gran parte della campagna elettorale.

Guarda anche 

Deputata brasiliana si presenta in parlamento con una scollatura rivelatoria e subisce una valanga di critiche (e complimenti)

I politici sono normalmente giudicati in base a ciò che fanno piuttosto che in base a ciò che indossano, ma una parlamentare brasiliana ha suscitato scalpor...
13.02.2019
Mondo

Al via il WEF di Davos, si ritrova l'èlite ma mancano i leader mondiali

Sarà un WEF zoppo, quello che ha inizio oggi a Davos, marcato dall'assenza di molti leader di peso. Il presidente americano Donald Trump, Emmanuel Macron e The...
21.01.2019
Mondo

Battisti, l’asse Bolsonaro-Salvini simbolo dell’internazionale sovranista

Cesare Battisti è in volo verso l’Italia. Anni di latitanza segnati da fughe, depistaggi e protezione da parte dei governi di sinistra, sono finiti la s...
14.01.2019
Mondo

Il terrorista Cesare Battisti arrestato in Bolivia, il "piccolo regalo" di Bolsonaro a Salvini

Il terrorista italiano Cesare Battisti è stato arrestato in Bolivia questa notte (tra sabato e domenica) e tornerà a breve in Brasile, da dove è prob...
13.01.2019
Mondo