Sport, 14 settembre 2018

Anti-Putin fece invasione durante la finale del Mondiale: “Lo hanno avvelenato”

La moglie, esponente delle Pussy Riot, ha spiegato che è “ricoverato in gravi condizioni”

MOSCA (Russia) – Quell’invasione di campo travestito da poliziotto, insieme a tre esponenti delle Pussy Riot, durante la finale dei Mondiali, potrebbe costare molto caro a Piotr Verzilov.

L’uomo, infatti, marito e attivista di un’esponente delle Pussy Riot (gruppo musicale anti-Putin) è ricoverato in “gravi condizioni” nel reparto Tossicologia di un ospedale di Mosca, stando a una delle ragazze della band, Veronika Nikulshina.

Stando alla moglie dell’uomo, Nadia Tolokonnikova, inoltre il marito “potrebbe essere stato avvelenato, si è svegliato e non ci vedeva più. Non ci fanno sapere niente”.

Guarda anche 

La Svizzera ringrazia l’YB… e quel rinvio col Lugano ora fa meno discutere

BERNA – Battere Cristiano Ronaldo. Superare il Manchester United. Diventare la seconda squadra contro cui il fenomeno portoghese ha sempre e solo perso in carriera,...
15.09.2021
Sport

In fuga dall’Afghanistan e dai Talebani: la nazionale di calcio femminile trova riparo

ISLAMABAD (Pakistan) – In fuga dall’Afghanistan, in fuga dai talebani. In fuga dalle assurde regole che (tra le tante aberrazioni anche più gravi) viet...
16.09.2021
Sport

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport

Anche col “Crus” il Lugano continua a convincere

LUGANO – “Senza Maric neanche gioco”. Così aveva parlato nella consueta conferenza stampa pre partita Matti Croci-Torti, alla vigilia della sua p...
13.09.2021
Sport