Sport, 14 settembre 2018

Anti-Putin fece invasione durante la finale del Mondiale: “Lo hanno avvelenato”

La moglie, esponente delle Pussy Riot, ha spiegato che è “ricoverato in gravi condizioni”

MOSCA (Russia) – Quell’invasione di campo travestito da poliziotto, insieme a tre esponenti delle Pussy Riot, durante la finale dei Mondiali, potrebbe costare molto caro a Piotr Verzilov.

L’uomo, infatti, marito e attivista di un’esponente delle Pussy Riot (gruppo musicale anti-Putin) è ricoverato in “gravi condizioni” nel reparto Tossicologia di un ospedale di Mosca, stando a una delle ragazze della band, Veronika Nikulshina.

Stando alla moglie dell’uomo, Nadia Tolokonnikova, inoltre il marito “potrebbe essere stato avvelenato, si è svegliato e non ci vedeva più. Non ci fanno sapere niente”.

Guarda anche 

Ehi Lugano, sei primo in classifica! Che partenza per i bianconeri!

ZURIGO – È vero che dopo una sola giornata, “basta” vincere per ritrovarsi nelle prime posizioni in classifica, ma il primo posto in solitaria di...
22.07.2019
Sport

Rischia di cadere l’aereo: paura, vomito e tensione per il Palmeiras

MENDOZA (Argentina) – Attimi di paura, di autentica terrore per i calciatori del Palmeiras, e per tutto lo staff dirigenziale, societario e medico, dopo che l&rsquo...
22.07.2019
Sport

Pronti, partenza… via: il treno del Lugano è pronto a mettersi in moto

ZURIGO – Un po’ tutti abbiamo negli occhi la splendida, intensa e travagliata cavalcata che lo scorso anno permise al Lugano di conquistare la terza piazza in...
21.07.2019
Sport

10 mesi di carcere per rapina: ora giocherà a Como, il calcio come redenzione e riscatto

COMO (Italia) – C’è aria di festa a Como, dove la squadra, dopo aver vinto il girone B della Serie D l’anno scorso, è tornata a conquistar...
21.07.2019
Sport