Sport, 11 settembre 2018

Calci e pugni a un arbitro in Quinta Lega: sciopero in arrivo

L’increscioso episodio avvenuto nel Canton Ginevra ha mandato su tutte le furie i direttori di gara pronti a non scendere in campo

PETIT-LANCY – Sono pronto a incrociare le braccia, piuttosto che prendere in mano il loro fischietto gli arbitri ginevrini dopo l’increscioso episodio avvenuto nel fine settimana nel campionato di Quinta Lega, dove un direttore di gara è stato preso a calci e pugni durante un match.

Un giocatore del Tordoya, come riportato dal “Tribune de Geneve”, ha reagito in maniera scomposta a un’ammonizione ricevuta dall’arbitro a 16’ dalla fine della partita casalinga contro il Satigny (sul risultato di 1-2). L’espulsione è quindi arrivata in maniera automatica, ma in quel momento altri due giocatori della squadra di casa si sono posti di fronte all’arbitro, arrivando così alle mani: l’arbitro è stato poi portato al pronto soccorso ed è intervenuta anche la polizia per calmare gli animi.

I tre sono stati denunciati ed espulsi dalla squadra, ma per gli arbitri questo non basta. Quando è troppo è troppo: stanno pensando di incrociare le braccia nel prossimo fine settimana in tutte le categorie per dare un segnale contro la violenza.

La decisione verrà presa venerdì, ma intanto l’Associazione degli arbitri ha sottolineato che “senza arbitro non c’è il gioco”.

Guarda anche 

Due migranti arrestati per aver accoltellato un uomo su un treno vicino a Basilea

Lo scorso 3 giugno, poco dopo le 20:00, una persona è stata gravemente ferita da un'arma bianca su un treno regionale sulla linea Basilea - Olten. Gli ultim...
06.06.2020
Svizzera

Condannato a 12 anni di carcere per tentato omicidio, non verrà espulso

Sono stati condannati per lo stesso crimine, ma uno di loro potrà rimanere in Svizzera mentre l'altro verrà espulso. Due cittadini kosovari erano stati ...
05.06.2020
Svizzera

A Ginevra i clandestini saranno risarciti per non aver potuto lavorare

Indennizzati per non aver potuto lavorare, pur non avendo il diritto di risiedere o lavorare in Svizzera. La chiusura parziale delle attività economiche causata da...
28.05.2020
Svizzera

Una nuova carovana di nomadi entra in Svizzera nonostante le frontiere chiuse

Trentacinque camper di nomadi sono entrati mercoledì in Svizzera attraverso una dogana nel canton Ginevra, e nonostante siano ancora le restrizioni alle frontiere ...
24.05.2020
Svizzera