Mondo, 07 settembre 2018

Il ministro dell'interno tedesco: "L'immigrazione è la madre di tutti i problemi"

Le manifestazioni avvenute a Chemnitz nella Germania orientale settimana scorsa continuano a dominare la cronaca tedesca. Ieri a inserirsi nel dibattito è stato un peso massimo del governo di Angela Merkel, il ministro dell'Interno Horst Seehofer (nella foto), che già a più riprese si era scontrato con la cancelliera sulle questioni dell'immigrazione e della presenza dell'Islam in Germania.

Seehofer ritiene che la migrazione di massa sia diventata "la madre di tutti i problemi politici" per la Germania, al contrario di Angela Merkel che descrive l'afflusso di migranti semplicemente come una "sfida" e presenta le proteste contro i migranti assassini come manifestazioni "odio".

Interrogato sul calo di popolarità del partito CDU del Cancelliere Merkel (CDU) e del suo alleato CSU, Horst Seehofer ha affermato che la decisione della Merkel di aprire i confini della Germania è stato uno dei principali fattori alla base della crescita del di destra anti-immigrazione e euroscettica Alternativa per la Germania (AfD).

"Per la prima volta, abbiamo un partito a destra dell'Unione che potrebbe affermarsi a medio termine in un paese diviso", ha detto al Rheinische Post, mentre i sondaggi mostrano che l'AfD ora è al secondo posto dietro al blocco CDU / CSU superando il partito socialdemocratico SPD.

L'impressionante ascesa di AfD sarebbe non solo dovuta alle preoccupazioni degli elettori riguardo all'immigrazione, ha detto Seehofer, "ma la questione dell'immigrazione è la madre di tutti i problemi politici in questo paese. Lo sto dicendo da tre anni. E questo è confermato da molti sondaggi".

Parlando degli eventi a Chemnitz, dove l'omicidio del 35enne tedesco Daniel Hillig, presumibilmente per mano di due richiedenti l'asilo, ha provocato dimostrazioni su larga scala contro la politica migratoria in Germania, il peso massimo della CSU ha detto di aver capito "l'indignazione" sentita da molte persone a seguito del brutale omicidio.

"Se non fossi un ministro, anch'io sarei sceso in strada come cittadino - ovviamente non con nessuno dei radicali", ha affermato Seehofer, prima di sottolineare che le autorità dovrebbero mostrare "tolleranza zero" per le persone che "incitano alla violenza" o fanno il saluto hitleriano.

Rispondendo alla domanda se ci fosse qualcosa che il governo avrebbe potuto fare per impedire la morte di Hillig, Seehofer - che ha preso una linea molto più dura sulla migrazione illegale rispetto al cancelliere - ha notato che uno dei sospettati aveva due precedenti condanne penali, affermando che non avrebbe mai dovuto essergli permesso di entrare in Germania avendo già cercato asilo in Bulgaria.

Guarda anche 

Il calcio tedesco ricorda la caduta del Muro: il derby di Berlino il 9 novembre?

BERLINO (Germania) – Non è un anno come tanti altri in Germania, non sarà un campionato come tanti altri per il calcio tedesco, per Berlino e per l&rs...
11.06.2019
Sport

Non gli bastano vitto e alloggio, richiedenti l'asilo vogliono soldi e aggrediscono poliziotti

Sette richiedenti l'asilo si sono chiusi all'interno della struttura in cui alloggiano impedendo l'accesso ai responsabili della cooperativa che la gestisce e...
09.06.2019
Mondo

Danimarca, quando la sinistra fa retromarcia sull'immigrazione e vince le elezioni

La Danimarca, in ambito politologico, è da tempo sinonimo di “modello scandinavo”. Quello assicurato ai punti di vista di chi ritiene che non poss...
07.06.2019
Mondo

Infermiere aveva ucciso almeno 82 pazienti, condannato all'ergastolo

La giustizia tedesca ha condannato giovedì all'ergastolo un infermiere per 85 omicidi, reati che "vanno oltre la comprensione" secondo il presidente ...
06.06.2019
Mondo