Svizzera, 01 settembre 2018

Svitto contraria al nuovo centro federale per richiedenti l'asilo, la Confederazione non sa dove metterli

Il cantone di Svitto mantiene la sua opposizione all'installazione di un centro per richiedenti l'asilo federale nella zona industriale di Wintersried (SZ). Ritiene inaccettabile che la Confederazione abbia avviato una procedura di approvazione del piano, quando aveva promesso di tenere conto del suo parere. Ricorrerà quindi al progetto.
 

Il Consiglio di Stato di Svitto ha scritto una lettera alla consigliera federale Simonetta Sommaruga esprimendo il suo rifiuto, ha detto giovedì. Si appellerà contro la volontà della Confederazione nel quadro della procedura di approvazione del piano. "Avremmo preferito evitare la via legale e trovare una soluzione politica, ma lanciando questa procedura, la Confederazione ha lasciato il campo politico", spiega il presidente del Consiglio di Stato Kaspar Michel.
 

In tal modo, Berna "rompe la sua promessa" di cercare e scegliere i siti che ospitano i centri di procedura di asilo coinvolgendo cantoni e comuni nel processo decisionale, denuncia l'esecutivo svittese considerando il metodo "inaccettabile". Pertanto invita la signora Sommaruga a venire a Svitto per spiegarsi.
 

Nocivo per lo sviluppo economico
 

Il governo cantonale combatte da anni l'installazione di un tale centro nel sito in questione, situato tra Seewen (SZ), Svitto e Brunnen (SZ), lungo la linea ferroviaria del Gottardo. Questa scelta danneggerebbe lo sviluppo economico dell'area. Da parte sua, la Confederazione vede in questo sito la migliore variante tra le 15 alternative studiate.
 

Lanciando la procedura di approvazione del piano - l'equivalente di una procedura di permesso di costruzione - Berna vuole assicurarsi che la Svizzera centrale abbia un centro di procedura di asilo federale entro il 2022.

Il centro federale di Glaubenberg (OW) chiuderà nel frattempo le sue porte.


Decisione entro settembre 2019
 

Tuttavia, non è escluso che la Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) rinunci definitivamente al sito di Svitto. Si dice pronto a ritirare la procedura di approvazione per i piani, se Confederazione, Cantoni e Comuni concorderanno entro settembre 2019 un'alternativa equivalente.
 

La Confederazione sta faticando a completare l'elenco dei futuri centri federali per i richiedenti asilo. Cinque dei diciotto siti necessari per accelerare le procedure di asilo rimangono da trovare.
 

La Svizzera romanda dovrà accogliere 1280 richiedenti asilo. Il centro di procedura di Boudry (NE) occuperà l'attuale centro di Vallorbe (VD). Due centri di partenza situati a Chevrilles (FR) e Grand-Saconnex (GE) saranno in grado di accogliere i richiedenti che hanno ricevuto una decisione negativa. Ma rimane ancora un sito da trovare.


Test pilota concluso a Zurigo
 

La nuova legge sull'asilo entrerà in vigore il 1 ° marzo 2019. Prevede che le procedure di asilo debbano essere svolte entro un massimo di 140 giorni nel rispetto dei principi dello stato di diritto.
 

La procedura accelerata di asilo è stata testata dal 2014 a Zurigo nell'ambito di un progetto pilota. La durata del procedimento è stata ridotta di oltre un terzo. Anche i ricorsi sono diminuiti di un terzo. Rispetto al periodo precedente alla fase di test, tre volte più candidati hanno lasciato la Svizzera volontariamente. A Zurigo è in costruzione un centro federale che sarà aperto nell'autunno 2019.


(Fonti: 24heures, rts.ch)

Guarda anche 

Il Regno Unito non concede asilo a un cristiano iraniano, "non è una religione di pace"

Niente diritto d’asilo perché cristiano. È accaduto in Gran Bretagna, dove un cittadino iraniano convertitosi al cristianesimo, in quanto rispond...
26.03.2019
Mondo

Vignetta elettronica, automobilisti ancora fregati

Come da copione: quel che era uscito dalla porta, in quanto stoppato dalla maggioranza politica, adesso viene fatto rientrare dalla finestra, con la consueta tattica del ...
26.03.2019
Svizzera

Aveva investito un giovane uccidendolo sul colpo, rischia 6,5 anni di carcere

Il processo di un automobilista accusato di aver fatalmente investito un pedone su un passaggio pedonale nel 2016 a Emibois, nel canton Giura, si è aperto luned&ig...
25.03.2019
Svizzera

Revoca della cittadinanza ed espulsione dei terroristi islamici, il Belpaese ci bagna il naso?

Il nome di Abderrhaim Moutaharrik alle nostre latitudini suonerà familiare. Non solo per l’avanzata islamista che ha portato alla diffusione di nomi analoghi...
25.03.2019
Svizzera
x