Sport, 17 agosto 2018

Il Lugano ingrana “la quarta” e stende il Dornbirner

4-2 il risultato finale col quale i bianconeri si sono imposti contro gli austriaci: ancora a bersaglio Hofmann, alla pari di Morini, Bertaggia e Lapierre

LUGANO – Dopo aver esordito sul ghiaccio nell’amichevole di Ferragosto vinta per 6-1 contro i Ticino Rockets, i bianconeri sono tornati questa sera a respirare il ghiaccio di casa, scendendo in pista alla Cornér Arena – la cara Resega, per i puristi dell’hockey nostrano – ospitando gli austriaci del Dornbirner. Una sfida che ha visto i bianconeri imporsi per 4-2.

A differenza di quanto accaduto a Biasca solamente due giorni fa, Ireland ha deciso di schierare i rientranti Sannitz, Lapierre e Lajunen, che hanno preso il posto dell’ammalato Haussener e di Vedova e Reuille, lasciati a riposo. Merzlikins, anche lui rimasto a guardare alla RaiffeisenArena, questa volta inizialmente si è accomodato in panchina.

I primi 20’ del match hanno ricordato a grandi linee quelli ammirati 48 ore prima, col Lugano che ha faticato nei primi istanti a trovare il ritmo giusto, ma una volta ingranate le giuste marce, la truppa sottocenerina si è fatta preferire (più in 5 contro 5 e in 4 contro 4, che nelle situazioni speciali) trovando anche la via della rete con Morini (abile a sfruttare un rebound all’11’) e con Bertaggia (bravo a completare con un gran polsino l’ottimo lavoro di un lanciatissimo Hofmann in 4 contro 4). Un primo tempo piacevole, caratterizzato dai cori della Nord – anche contro Norman Gobbi –, dall’eccessiva fiscalità dei linesmen durante gli ingaggi e dalla vigoria e dagli scontri – fisici e verbali – tra i giocatori: le penalità, infatti, non sono mancate.

Rientrati sul ghiaccio dovendo difendere un boxplay – costata la rete di Cip (22’) – Bürgler e compagni nella prima metà del secondo periodo hanno subìto il gioco austriaco: Müller non ha dovuto compiere interventi degni di nota, ma gli ospiti hanno spesso imperversato nel terzo offensivo. Ritrovate le giuste misure, però, ci ha pensato Lapierre a ritrovare la via della rete (29’, in realtà si tratta di un autorete del portiere Rinne), seguito a breve giro d’orologio dal solito Hofmann (39’): insomma, una volta che i bianconeri sono tornati in possesso del gioco, si è rivisto il Lugano “interessante” già ammirato contro i Rockets.

Col vantaggio, e la vittoria, ormai acquisiti, la truppa luganese nel terzo periodo ha mostrato il suo volto migliore, cioè quello offensivo, confermando diverse sensazioni emerse su tutto l’arco del match: la prima linea, quella composta da Hofmann, Lapierre e Lajunen rappresenta un valore aggiunto importante (così come lo era stato nei playoff), Klasen sembra essere tornato a vestire la maglia con voglia e grinta, supportato anche da un Cunti pronto non solo a sacrificarsi, ma anche a pungere in attacco.

Anche i nuovi arrivati, Loeffel e Chorney su tutti, hanno fatto capire che gli investimenti fatti potrebbero presto ripagare a dovere, il tutto – è giusto dirlo – al cospetto di un avversario, andato nuovamente a bersaglio con Parks in superiorità numerica (54’), non certo intrattabile o di valore eccelso, ma tenendo conto dei carichi di lavoro nelle gambe, del fatto di essere ancora agosto e di aver rinunciato a Merzlikins in queste prime due amichevoli…. beh, l’alba di questo nuovo giorno fa ben sperare…

LUGANO – DORNBIRNER 4-2 (2-0; 2-1; 0-1)
Reti:
10’27 Morini (Romanenghi) 1-0; 15’51 Bertaggia (Hofmann, Wellinger/4c4) 2-0; 21’10 Cip (Magnan, Bordson/5c4) 2-1; 28’14 Lapierre (Lajunen) 3-1; 38’02 Hofmann (Loeffel, Chorney) 4-1; 53’57 Parks (Bordson/5c4) 4-2.
LUGANO: Müller; Chorney, Loeffel; Hofmann, Lajunen, Lapierre; Wellinger, Ulmer; Klasen, Cunti, Bürgler; Riva, Jecker; Jörg, Morini, Walker; Sartori, Romanenghi; Bertaggia, Sannitz, Fazzini.
Penalità: 5x2’ Lugano; 4x2’ Dorbiner.
Note: Cornèr Arena, 2555 spettatori.

Guarda anche 

L’ex presidente Renzetti: “Paolo, un tecnico emotivo”

LUGANO - L’ex presidente Angelo Renzetti si gode qualche giorno di riposo nella sua Pescara, anche se conta di tornare in Ticino per la sfida odierna fra il Lu...
05.12.2021
Sport

Il leggendario Nummelin riscalda ancora i cuori

LUGANO - Quando Nummy entra in sala stampa viene accolto da un applauso. Qualche vecchio cronista coglie l'occasione per un selfie; altri lo prendono s...
06.12.2021
Sport

Fora-Bertaggia: quando le bandiere non esistono più

LUGANO – Quella che si è chiusa, è e resterà una settimana che i tifosi di Ambrì e Lugano non dimenticheranno tanto facilmente. Non solo...
05.12.2021
Sport

Il Lugano si è fermato a Berna: una sosta più che uno stop

BERNA – YB-Lugano 0-1. Rete, e che rete, di Lovric. Così si è chiuso ieri sera il primo tempo del recupero della quarta giornata di Super League sul s...
02.12.2021
Sport