Mondo, 07 luglio 2018

La Corea del Sud apre ai rifugiati musulmani, sono subito proteste: "Non vogliamo diventare come l'Europa"

Circa 520.000 sudcoreani hanno firmato una petizione contro la politica migratoria favorevole ai rifugiati del loro governo. La maggior parte di loro sono preoccupati per i profughi musulmani provenienti dallo Yemen e per lo sfruttamento economico di migranti, secondo il portale DW.

"È diventato davvero brutto nelle ultime settimane e questo perché il governo ha introdotto un programma che consentiva a persone provenienti da 186 paesi di venire qui senza un visto turistico", dice Hank Kim, proprietaria della Core Travel Agency. Kim continua: "La gente del posto qui è preoccupata, abbiamo tutti letto dei problemi che gli immigrati hanno causato in Europa - in Germania e in Francia in particolare - e non vogliamo che ciò accada qui".

C'è stata anche una protesta davanti al municipio della capitale Seoul contro il programma di esenzione dal visto in cui hanno partecipato migliaia di persone. "Esortiamo il governo a mettere i cittadini coreani prima dei rifugiati", dichiara un organizzatore della manifestazione. "Non siamo contro tutti i rifugiati. Ma non dovremmo accettare gli stranieri che cercano di sfruttare la politica come mezzo per cercare interessi economici personali o schivare il servizio militare nei loro paesi ", aggiunge. Hank Kim, il proprietario dell'agenzia di viaggi dice: "Siamo anche preoccupati a causa della loro religione. Non abbiamo mai avuto contatti con i musulmani, ma sappiamo che tutti hanno una grande famiglia e portano la loro cultura invece di cercare di adattarsi al luogo in cui vivono .. " I disordini sono stati causati da 1.000 rifugiati yemeniti che hanno utilizzato il programma visti per entrare nell'isola di Jeju, in Corea del Sud.


Guarda anche 

La Grecia chiede aiuto all'UE per rimpatriare i migranti sul suo territorio

Il ministro della migrazione greco Notis Mitarachi (nella foto) ha dichiarato lunedì di aver chiesto ufficialmente aiuto all'Unione europea per rimpatriare i r...
18.02.2020
Mondo

"In Europa è vietato dirlo ma l'immigrazione in realtà è un'invasione organizzata"

In occasione di una visita al confine sud dell'Ungheria il primo ministro Viktor Orbán ha dichiarato, a un gruppo di giornalisti presenti, che le descrizioni d...
17.02.2020
Mondo

Sì ad un'immigrazione moderata

Secondo gli ultimi dati statistici dell’anno 2019 gli immigrati sono stati ben 55'000, un numero che equivale alla popolazione del distretto di Locarno, mentre ...
17.02.2020
Opinioni

I rifugiati possono chiedere prestazioni sociali per i figli che abitano all'estero

I rifugiati in Svizzera devono avere accesso alle stesse prestazioni sociali degli svizzeri. Così ha stabilito venerdì il Tribunale federale, che si è...
15.02.2020
Svizzera