Sport, 01 luglio 2018

La parola ai lettori: Sommer over the top!

Praticamente un plebiscito ha incoronato il nostro portiere il miglior rossocrociato sceso in campo nella fase a gironi. Il flop? Seferovic proprio non soddisfa la platea

LUGANO – L’attesa in vista di martedì è ancora lunga, ieri sono però iniziati gli ottavi di finale del mondiale russo, ma prima di rivedere la nostra Svizzera in campo potremo studiare come, e se, le altre formazioni ancora in lizza per la vittoria finale riusciranno a migliorare nel loro cammino di avvicinamento verso la Coppa del Mondo.

Nella giornata di venerdì vi avevamo domandato, secondo voi, chi erano stati i migliori e i peggiori giocatori della Nazionale nella prima parte del Mondiale. Ebbene… i risultati ottenuti dal sondaggio lanciato non lasciano dubbi: il migliore è stato in assoluto Sommer.

In effetti il portiere del Mönchengladbach, oltre ad attirare le attenzioni del gentil sesso, ha messo in mostra tutte le sue qualità sia contro il Brasile, che contro la Serbia e il Costa Rica: magari a volte risulta titubante nelle uscite alte, ma tra i pali rappresenta una vera e propria sicurezza. Per esempio il salvataggio effettuato contro i costaricensi, sul colpo di testa di Borges, è stato veramente sensazionale.
Dopo di lui, il migliore in assoluto è stato Behrami: in effetti la partita disputata contro il Brasile è stata un mix di qualità, di fisicità, di tattica e di intelligenza. Neanche un ginocchio mal ridotto è riuscito a scalfirlo.

Passando alle note negative… lo sappiamo: il nostro problema risiede in attacco, nell’assenza cronica di un terminale vero che possa concretizzare le occasioni che ci creiamo. Non stupisce, quindi, che il giocatore votato come il “flop” sia Haris Seferovic; alle sue spalle ecco Xherdan Shaqiri. Anche qui è difficile discutere il voto: è vero, il nostro centrocampista offensivo è stato determinante contro la Serbia, ma contro il Brasile e contro la Costa Rica, non solo non ha mai inciso in attacco, ma non ha mai dato una mano in fase di copertura a Lichtsteiner. E infatti, guarda che caso, contro i verdeoro la rete di Coutinho arriva in seguito a una sua mancata chiusura e contro i centroamericani, su quella fascia abbiamo sofferto in maniera importante.

Guarda anche 

Una Svizzera ambiziosa. Obiettivo? Salire sul podio

RIGA (Lettonia) - “Sono ottimista per natura: ho grande fiducia nei nostri giocatori. Di sicuro faremo il possibile per inserirci fra i migliori al mondo&rdq...
17.05.2021
Sport

“Mourinho non è finito. La Svizzera è un osso duro”

LUGANO - Ivan Zazzaroni è il direttore del quotidiano sportivo Corriere dello Sport-Stadio nonché del Guerin Sportivo, una delle riviste storiche ...
16.05.2021
Sport

Il Lugano torna a vincere e il Sion vede la Challenge

LUGANO - Quattro sconfitte consecutive (oltretutto senza reti) potevano bastare. Il Lugano, ridisegnato ieri sera da Mister Jacobacci, sconfigge ...
16.05.2021
Sport

Hofmann: “La NHL? Bisogna valutare i pro e i contro…La festa dei tifosi? Capisco i mugugni, ma…”

ZUGO – 18 reti e 23 assist in regular season, 6 gol e 8 passaggi decisivi nei playoff, con tanto di doppietta in gara-3 contro il Ginevra e 1 rete in gara-1 contro ...
14.05.2021
Sport