Sport, 21 aprile 2024

Dal doping di van der Velde all’impresa di Mauro Gianetti

Oggi c’è la Liegi-Bastogne-Liegi. Di Fuchs e del ticinese due successi clamorosi

LUGANO - Settimana scorsa abbiamo raccontato della doppietta del nostro Mauro Gianetti: Amstel Gold Race e Liegi-Bastogne-Liegi (che si corre oggi) a metà Anni Novanta. Per il corridore isonese quello fu un momento magico, che sarebbe culminato con il buon piazzamento (quarto) al Mondiale colombiano del 1995 e alla medaglia d’argento a quelli di Lugano l’anno seguente Oggi Mauro sarà sul teatro di gara della Doyenne a sostenere Tadej Pogacar nella difficile battaglia che dovrà sostenere contro Mathieu Van der Poel e Tom Pidcock, i suoi due più accerrimi e accreditati rivali. Certamente l’ex ciclista ticinese si ricorderà della sua impresa di 29 anni fa quando beffò nel finale grandi interpreti quali Armstrong, Bugno, Bartoli e Casagrade. Dopo di lui soltanto Oskar Camenzind ha portato i colori svizzeri sul gradino più alto del podio (1998) di una corsa che possiamo considerare un po' nostra: non è che gli elvetici abbiano vinto chissà quante volte (sei); belgi e italiani vantano numeri nettamente migliori. La Doyenne è comunque la “classica monumento” con il maggior numero di vittorie svizzere, una delle quali, quella di Joseph Fuchs nel 1981, ancora oggi è chiacchierata a causa della positività del vincitore, il corridore olandese Johann van der Velde, che qualche settimana dopo la prova fu squalificato per doping. Primo Fuchs, secondo Mutter: clamoroso! 


Quel giorno, il 19 aprile 1981 sulla regione delle Ardenne, teatro di terribili battaglie della Prima e della Seconda guerra mondiale, piove a dirotto e fa freddo; il vento gelido da Nord rende la Liegi-Bastogne-Liegi più difficile di quanto non lo sia già. Alla partenza ci sono 125 corridori, al traguardo ne arriveranno solo 24! In fondo, questa è una caratteristica della corsa che viene denominata Doyenne, la Decana delle classiche.


Siamo appena agli inizi degli Anni Ottanta: Bernard Hinault, che ha vinto qualche settimana prima sia la Parigi-Roubaix sia l'Amstel Gold Race, è il corridore del momento. Vince in salita, a cronometro e nelle corse di un giorno; sa fare di tutto e i francesi stravedono per lui. Ma sono soprattutto i belgi e gli olandesi che si esaltano quando il tempo si mette al brutto. Le strade sono inzuppate di acqua e in alcuni tratti i corridori devono fare gli equilibristi per evitare le cadute. In molti finiranno a terra. Hinault ha capito l'aria che tira e si chiama fuori: arriverà staccatissimo al traguardo. Quella, tuttavia, non è soltanto la giornata degli atleti di casa e dei vicini olandesi: no, ci sono anche i nostri ragazzi della Cilo-Aufina nelle posizioni migliori. Sin dalle prime battute Joseph Fuchs, definito da un giornalista belga “un corridore tenace, indomito e con l' aspetto di un sessantenne”, Stefan Mutter, Beat Breu e Gody Schmutz , danno spettacolo. La voglia di mandare in frantumi i piani tattici delle grandi squadre è palpabile negli sguardi che si possono intravvedere in TV. Il loro DS Auguste Girard, nel dopo corsa dirà: “Non avevano nulla da perdere, sapevamo che la Raleigh degli olandesi avrebbe cercato di dettare i ritmi e isolare gli avversari più forti”. Ad un certo punto, dalle parti di Spa (dove sorge il circuito forse più bello e difficile della formula 1) comincia a nevicare e il freddo miete le prime vittime. Poi, dopo aver raggiunto Bastogne, la corsa si infiamma. I nostri sono lì, fra i primi, tengono duro e spesso sono all'avanguardia. Ma la gara si accende quando i corridori devono salire la temibile Redoute, una delle tante côtes disseminate sul percorso. “La parte centrale è quella incredibilmente più difficile con una pendenza del 18%.


La parte superiore è meno dura, anche se si fa sentire nelle gambe” dichiarò il belga Philippe Gilbert dopo la sua vittoria del 2011. Situata nella regione delle Vallées de la Vesdre, de l'Amblève et de l'Ourthe, la Redoute è lunga quasi due chilometri ma quando il tempo è brutto sembra ne misuri una ventina. Il 19 aprile 1981 su quello strappo micidiale restano in quattro: due svizzeri (Fuchs e Mutter), un belga (Peeters) ed un olandese (van der Velde). Due della Cilo Aufina e due della Ti-Raleigh. Sepp Fuchs è uno scalatore puro, è alla sua ultima stagione da professionista. È stato luogotenente sia di Francesco Moser sia di Giuseppe Saronni ed è arrivato ottavo in un Tour de France e una volta quinto al Giro. La gara è apertissima: in discesa prima cade Van der Velde e poi Mutter, che aveva provato un allungo. Ad ogni curva si teme il peggio: la strada è scivolosa e la pioggia non accenna a diminuire. Il finale è leggendario: Fuchs attacca e sembra involarsi verso la gloria.


Ma a 5 chilometri dal traguardo, il sagace van der Velde lo raggiunge. Gli altri hanno perso le loro ruote e sono lontani. In volata, purtroppo, il corridore olandese è nettamente più veloce e il nostro Fuchs è battuto. Tuttavia, la storia di quella Liegi-Bastogne- Liegi non è ancora del tutto scritta: durante il Giro di Romandia, che va in scena un paio di settimane dopo, si scopre che Johan van der Velde è risultato positivo al controllo anti-doping dopo la Liegi-Bastogne- Liegi. Durante la convalescenza da una febbre virale, gli era stato somministrato un potenziatore muscolare vietato all'inizio della stagione. A nulla servirà il suo ricorso. Fuchs vince così la sua unica classica di carriera. “Quando mi dissero che Johan era stato squalificato sentii soddisfazione e delusione – affermò al settimanale Sport di Zurigo lo svizzero – Vincere fa sempre piacere, certo, ma così non è esattamente la stessa cosa”. Aveva ragione, il buon Sepp.

Guarda anche 

Sinner è il numero 1, ma Alcaraz riscrive la storia

PARIGI (Francia) – Il Roland Garros è riuscito nell’impresa di entrare nella storia del tennis per diversi motivi. Prima di tutto perché, a part...
10.06.2024
Sport

“Io allo United? Cantona picchiava i tifosi, Rooney andava con le nonne, Giggs con la cognata: mi sarei trovato benissimo”

LONDRA (Gbr) – Paul Gascoigne lo conosciamo: non ha peli sulla lingua, è uno spirito libero, un ex calciatore dal talento immenso, che ha sempre rappresentat...
11.06.2024
Sport

La finale, un rito popolare che sfocia nel melodramma

LUGANO - Il racconto attorno alla Coppa non è complicato, ma accanto alla trama e ai fatti principali ci sono dettagli, risvolti che vanno colti e aumentano i...
10.06.2024
Sport

Nel ricordo di Mäder parte il nostro giro

LUGANO - Oggi parte il Tour de Suisse numero 87. Saranno 8 tappe mozzafiato, da Vaduz a Villars sur Ollon, con una tre giorni ticinese che promette molto (si arriver...
09.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto