Ticino, 19 aprile 2024

La RSI accusata di fare “sensazionalismo anti-scientifico” in un documentario su Napoli

Non è piaciuto oltreconfine un documentario trasmesso a inizio aprile dalla RSI in cui si mostra Napoli sepolta sotto 30 centimetri di cenere dopo un'eruzione ai Campi Flegrei. Fra questi, come riporta La Regione, l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e lo stesso sindaco di Napoli, che hanno rilasciato dichiarazioni molto critiche sul documentario e che sono state riprese anche dal Corriere della sera.

In sostanza, la RSI è accusata di aver messo in onda un documentario sensazionalista e senza base scientifica. "I Campi Flegrei sono la più grande caldera urbanizzata attiva nel cuore del continente europeo. A partire dal 2005 è interessata dal fenomeno bradisismico che causa il sollevamento del suolo, terremoti ed emissioni fumaroliche. La caldera è monitorata da un sistema di monitoraggio multiparametrico continuo. Tutti i dati forniti da tale sistema, al momento, non mostrano evidenze dell’imminenza di una eruzione vulcanica, tantomeno di grandi proporzioni", scrive l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, in un comunicato firmato dal presidente Carlo Doglioni, della direttrice Dipartimento Vulcani Ingv Francesca Bianco, del direttore dell’Osservatorio Vesuviano dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Mauro A. Di Vito.

 
Il documentario trasmesso dall'emittente ticinese, per le persone sopra citate, sarebbe "una informazione non basata su dati, e che ignora completamente tutte le importanti attività scientifiche e di pianificazione che hanno visto, e ancora vedono, scienziati e Protezione Civile lavorare fianco a fianco per gestire al meglio delle conoscenze la pericolosità vulcanica e il relativo rischio di una delle aree più antropizzate al mondo".



"Sviluppare un racconto che mette insieme quanto avvenuto nelle due più devastanti eruzioni che hanno sconvolto i Campi Flegrei (Ignimbrite Campana, avvenuta circa 40'000 anni fa, e Tufo giallo Napoletano, avvenuto circa 15'000 anni fa) con quanto sta avvenendo in questa fase bradisismica è solo un esercizio di sfoggio di grandi effetti speciali per chi realizza documentari, e una cancellazione di anni e anni di condivisione di dati e informazioni da parte di chi ne scrive enfatizzando l’allarmismo. Tutto ciò non ha alcun senso scientifico e, soprattutto, è un'informazione dannosa che sfrutta il sensazionalismo e raccoglie l’attenzione dello spettatore-lettore terrorizzandolo".

Critiche simili arrivano dal sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi secondo cui il prodotto RSI sarebbe "un documentario di fantascienza, un brutto film: si descrive uno scenario di 40mila anni fa, con probabilità che si possa ripetere vicina allo 0, sono solo sensazioni senza base scientifica che però fanno danni su popolazioni dell’area flegrea e sulla percezione di sicurezza nei nostri territori", dice il primo cittadino a margine del Festival Euromediterraneo dell'Economia in corso a Napoli.

 
"Stigmatizzo questo modo di fare giornalismo, il bradisismo è sotto controllo, sono stati intensificati i controlli su base del decreto legge approvato in Parlamento, il mio appello è siate vigili, tranquilli, il fenomeno esiste, esiste da millenni", aggiunge il sindaco della città italiana.

Da notare infine, che, nel frattempo il documentario in questione è stato rimosso da Internet e non è più disponibile.


Guarda anche 

La Svizzera verserà 20 milioni di franchi all'Italia per gestire i migranti

La collaborazione tra Svizzera e Italia non è delle migliori, in particolare se si pensa che Roma si rifiuta di rispettare gli accordi di Dublino per il trasferime...
19.05.2024
Svizzera

“Sogno ancora la NHL: prima però voglio i playoff”

BOLZANO (Italia) - La scorsa settimana si sono tenuti a Bolzano i Mondiali di hockey del gruppo B, durante i quali ha esordito con la maglia azzurra l’attaccan...
17.05.2024
Sport

La polizia sgombera i manifestanti pro-Palestina dai politecnici di Zurigo e Losanna

Dopo cinque giorni, l'occupazione dell'Università di Losanna da parte di manifestanti filo-palestinesi è stata emulata martedì da studenti de...
08.05.2024
Svizzera

“Tadej Pogacar è il favorito, ma occhio alle imboscate”

LUGANO - Mauro Gianetti, il CEO della UAE Emirates, la squadra di Tadej Pogacar, è fiducioso. “Sappiamo bene che lo sloveno è il gra...
07.05.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto