Sport, 10 dicembre 2023

Una tripletta d’oro: Ponti re d’Europa!

Il ticinese non ha lasciato scampo ai rivali nelle tre gare di delfino agli Europei di Otopeni

OTOPENI (Romania) - Gli aggettivi ormai si sprecano: pazzesco, spaziale, fortissimo, inarrivabile. Alla fine, Noè Ponti è soltanto Noè Ponti, un nuotatore di talento che a 22 anni sta raggiungendo un livello di competitività che soltanto qualche stagione fa era impensabile. Eppure, grazie alla sua classe e alla sua forza, il locarnese ha letteralmente sbaragliato il campo agli Europei in vasca corta di Otopeni, in Romania, vincendo tre medaglie d’oro in successione: i 100, i 200 e i 50 metri delfino. 



Una tre giorni tutta da scrivere nelle pagine della storia dello sport ticinese, che mai, crediamo, in passato ha ottenuto tanta gloria e tantoprestigio a livello internazionale in così poco tempo! Eppure Noè ce l’ha fatta e in fondo per lui è una cosa abbastanza normale: “ Conosco le mie capacità e i miei limiti” aveva detto prima dellafinalissima nei 50 metri, nella quale non partivacerto favorito. L’aspetto mentale ha però prevalso e pertanto Ponti è riuscito (addirittura) a ritoccare il primato svizzero con il tempo di 21.79 (25 centesimi meglio di Melbourne un anno fa e a soli 4 dal record del mondo!) precedendo nella prova l’ungherese Sebastian Szabo e il francese Maxime Grousset. Una prestazione, quella del gambarognese, che la dice lunga sul suo stato di forma e che ha ribadito qualche ora dopo ottenendo la qualificazione per la finalissima dei 100 metri misti. Quarto nella sua batteria, ha dovuto “spareggiare” con il tedesco Ramon Kienz, contro il quale ha avuto vita facile, siglando anche il nuovo record svizzero della specialità in 51.57, un secondo meno rispetto al precedente primato.


A fine giornata Noè Ponti era molto felice: “Tre medaglie d’oro! Incredibile. Mi sono battuto per ottenere il massimo, senza mai accontentarmi. Nei 50 metri delfino non partivo favorito, eppure ce l’ho messa tutta e nel finale ho recuperato. È un gran momento ma sono già concentrato per domani (finale 100 metri misti, ndr)”.


Senza dimenticare i Giochi olimpici di Parigi del prossimo anno, nei quali il ticinese cercherà ulteriori allori per abbellire la sua nutrita bacheca.

Guarda anche 

I quattro moschettieri e la Francia dei “sogni”

LUGANO - Chiedete a un qualsiasi signore di oltre 60 anni che s’intenda di calcio qual è stato, secondo lui, il centrocampo più forte di tutti i ...
16.05.2024
Sport

1980, un anno maledetto: agli Europei prevale la noia

LUGANO - Il 1980? Un brutto anno, maledetto, da dimenticare se possibile. In Italia, paese che organizza la fase finale degli Europei, la mafia uccide Piersanti Matt...
09.05.2024
Sport

Di Stefano e Puskas ripudiati: scelta polemica ma vincente

LUGANO - Quando l’UEFA decide di assegnare alla Spagna la fase finale degli Europei del 1964, il paese iberico è prigioniero di una dittatura che non ha...
03.05.2024
Sport

La monetina premia l’Italia: Facchetti, ma che fortuna!

LUGANO - Siamo agli Europei del 1968, un anno di contestazioni. La piazza diventa la casa di tutti: studenti, operai, gente incazzata con il sistema. Sventolano band...
19.04.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto