Svizzera, 01 novembre 2023

La polizia tedesca entra in Svizzera per impedire ai migranti di andare in Germania

A seguito della crescente pressione migratoria, dal 16 ottobre scorso il ministro degli Interni tedesco Nancy Faeser ha reintrodotto i controlli alle frontiere con Polonia, Repubblica Ceca, Austria e Svizzera. In pratica, da alcune settimane la polizia tedesca “respinge in massa i migranti al confine svizzero-tedesco”, riporta il giornale tedesco il “Welt am Sonntag”, che ha accompagnato le guardie di frontiera tedesche nel loro lavoro a Basilea: “Molte persone vengono respinte al confine confine con la Svizzera. Quest’ultimo è, insieme alla frontiera orientale, il nuovo hotspot migratorio”, scrive il giornale tedesco.

In linea di principio la polizia tedesca può effettuare controlli solo sul territorio tedesco. Le vicine guardie di frontiera però non intervengono solo in Germania, alla stazione Badischer Bahnhof ma anche in territorio svizzero, alla stazione FFS di Basilea, aggiunge il giornale. È stato infatti concluso un accordo con la Svizzera affinché anche la Germania possa effettuare controlli in alcune zone svizzere. Alla fine dello scorso anno Karin Keller-Sutter e Nancy Faeser hanno concordato un piano d'azione volto a rafforzare i controlli.



In teoria, se la polizia tedesca intercettasse i migranti una volta che attraversano il confine, dovrebbe lasciarli entrare se chiedono asilo. Ma se i migranti vengono fermati mentre sono ancora in Svizzera, la Germania può rifiutare loro l’ingresso. Tuttavia, questi controlli alle frontiere non sembrano avere molto effetto, poiché ai migranti viene semplicemente impedito di salire sul treno e niente impedisce loro di prenderne un'altro più tardi, oppure di recarsi in Germania in bus, in tram o a piedi.

Guarda anche 

Crescita record di stranieri nel 2023

Nel 2023 l'immigrazione in Svizzera ha registrato un'accelerazione. Alla fine dell'anno la popolazione residente permanente straniera era aumentata di 98'...
23.02.2024
Svizzera

Il Consiglio federale non vuole tassare l'immigrazione

Richiedere un contributo finanziario a tutti coloro che immigrano in Svizzera. È l'idea lanciata dal consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR) ma che non v...
21.02.2024
Svizzera

Aumento record delle domande d'asilo nel 2023

La Segreteria di Stato della migrazione ha registrato un aumento significativo delle domande d’asilo nel 2023: 30’223 persone hanno chiesto asilo in Svizzera,...
16.02.2024
Svizzera

Immigrazione di massa: un decennio di prese in giro

9 febbraio 2024. Sono passati 10 anni dall’approvazione dell’iniziativa popolare “Contro l’immigrazione di massa” che, come dice il nome, mi...
11.02.2024
Opinioni

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto