Svizzera, 09 maggio 2023

Un medico e un'infermiera accusati di aver causato la morte di un'adolescente

Un medico e un'infermiera sono accusati di aver causato la morte di un'adolescente. Come riferisce il “Nouvelliste”, gli eventi risalgono all'estate del 2014, quando una ragazza di 14 anni partecipava a un campo sportivo a Crans-Montana (VS), per il quarto anno consecutivo. Tra le sue attività, questa giovane, cittadina russa, praticava l'equitazione, nonostante un'asma favorita da un'allergia ai peli di cavallo. Per combattere i suoi problemi respiratori, il 28 luglio un medico le ha prescritto dei farmaci giornalieri e le ha vietato di praticare sport. Ma secondo l'accusa, queste prescrizioni non sono state rispettate dalla capo infermiera di questo campo internazionale, che era incaricata di questo compito.

Come si può immaginare, le condizioni di salute dell'adolescente, che aveva visitato l'infermeria 16 volte in quindici giorni, peggiorarono. La sera del 3 agosto, quando l'infermiera era in ferie, un medico chiamato decise di rimandare l'esame al giorno successivo, nonostante l'insistenza di un'assistente infermieristica per farlo immediatamente. Secondo l'accusa, il medico aveva fretta perché doveva assistere a un concerto.

La mattina del 4 agosto è successo il peggio. La ragazza, che continuava a lamentarsi, ebbe un arresto cardiaco legato a un attacco d'asma che si è rivelato fatale. L'infermiera e il medico sono stati accusati di omicidio colposo e sono stati processati lunedì presso il tribunale di Sierre, quasi nove anni dopo i fatti.



L'accusa ha denunciato una "carenza di assistenza medica" da parte dell'infermiera 60enne, il cui diploma non è riconosciuto in Svizzera, ma che esercitava la professione dagli anni '70. Per il suo avvocato "tutto è accaduto tra il 3 e il 4 agosto" per l'adolescente, mentre la sua cliente ha lasciato il servizio il 2 intorno alle 19.30 e ha avuto la giornata libera fino al 4 al mattino. Quando è tornata, non sarebbe stata informata che la sua salute era peggiorata.

Anche l'avvocato difensore del medico, oggi 60enne, ha chiesto l'assoluzione. Ha sostenuto che quando il suo cliente ha visto la ragazza il giorno prima della sua morte, non era in condizioni gravi. Tuttavia, il medico è stato accusato di essersi rifiutato di visitarla quando la situazione era già critica.

Per la madre e le due sorelle minori della defunta, ancora inconsolabili, il signor Gaspard Couchepin ha chiesto un risarcimento di 120'000 franchi per danni morali. Il verdetto sarà emesso nei prossimi giorni.

Guarda anche 

Un uomo ucciso da un colpo di cannone durante una processione religiosa in Vallese

La processione del Corpus Domini del comune vallesano di Rarogne si è conclusa con un dramma questo giovedì, quando uno svizzero di 65 anni è rimasto...
31.05.2024
Svizzera

Tre impiegati della Posta licenziati per aver fatto esplodere una bottiglia di coca-cola

Tre dipendenti della Posta, impiegati nella sede vallesana di Vètroz, sono stati licenziati per un motivo davvero singolare, se non anche molto severo. “Davv...
03.05.2024
Svizzera

Nel PS vallesano una proposta per limitare la parola agli uomini

Gli uomini del partito socialista vallesano potrebbero presto dover far attenzione a quanto parlano in occasione degli incontri di partito. Una singolare proposta che sar...
01.05.2024
Svizzera

Giunta per un semplice controllo, una donna abortisce per errore a Praga

Giovedì un ospedale di Praga si è scusato con una paziente alla quale aveva eseguito un aborto involontario la settimana scorsa dopo averla confusa con un&#...
05.04.2024
Mondo

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto