Svizzera, 28 marzo 2023

Autista Uber espulso per aver aggredito sessualmente una cliente



Il Tribunale federale ha confermato l'espulsione di un cittadino eritreo che nel 2018 aveva aggredito sessualmente una giovane donna prima di tentare di investirla con la sua auto. L'episodio risale a una serata di marzo 2018, quando l'uomo, che lavorava come autista di Uber, aveva prelevato la sua cliente a Losanna e doveva portarla ad Attalens (FR). Durante il viaggio l'uomo le aveva prima accarezzato il viso, prima di infilarle un dito in bocca.


La passeggera aveva respinto questo secondo tocco e il quarantenne ne aveva approfittato per afferrare la mano della ragazza e metterla sul suo sesso eretto. La vittima, 26enne all'epoca, ha poi chiamato il suo compagno per chiedere aiuto. Quest'ultimo era presente quando il veicolo è arrivato a destinazione, e una volta scesa dall'auto l'autista ha cercato di investire due volte la coppia, mancandola di poco.



Condannato nel 2021 a 20 mesi di reclusione e all'espulsione dalla Svizzera per cinque anni, l'eritreo ha portato il caso al Tribunale federale, che lo ha respinto, come riporta "La Liberté". Per i giudici, il fatto che il conducente sia padre di due bambini svizzeri non è stato sufficiente a far pendere la bilancia a suo favore. Hanno ritenuto che il tribunale cantonale di Friburgo non fosse stato arbitrario nel ritenere che l'interesse pubblico all'espulsione fosse superiore all'interesse privato del ricorrente a rimanere con la sua famiglia in Svizzera, "data la gravità dei reati commessi, la mancanza di consapevolezza del ricorrente, la sua integrazione mista in Svizzera e le prospettive che ha ancora di reintegrarsi nel suo Paese d'origine, dove è nato e ha vissuto la maggior parte della sua vita".

Guarda anche 

Ubriaco, alla guida di una porsche colpisce una lamborghini e si dà alla fuga

Un conducente 58enne di Svitto ha suscitato scalpore a Lucerna in una notte d'estate dello scorso luglio. Sebbene avesse bevuto, si è messo al volante della su...
21.02.2024
Svizzera

Spende 150'000 franchi del padre malato che le aveva affidato la carta bancaria

Una 40enne residente nel canton Ginevra è stata recentemente condannata per aver speso 150'000 franchi del padre, all'insaputa di quest'ultimo che le a...
08.02.2024
Svizzera

Ha dato fuoco a auto di lusso per odio verso la Svizzera, dopo il carcere sarà espulso

Ha dato fuoco a auto di lusso per odio verso la Svizzera e ora dovrà lasciare un paese. L'autore, un cittadino polacco, il 29 marzo dello scorso anno aveva las...
04.02.2024
Svizzera

Fa ricorso al Tribunale federale dopo aver perso la patente, ma le costa caro

Un'automobilista argoviese di 65 anni si è rivolta al Tribunale federale per contestare il ritiro della sua patente di guida. Nell'aprile 2020 la donna ave...
31.01.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto