Svizzera, 16 ottobre 2022

Espulso 8 anni fa, si trova sempre in Svizzera a commettere crimini

Dopo che la sua domanda d'asilo era stata respinta, un richiedente l'asilo tunisino avrebbe dovuto essere rinviato nel suo paese nel 2014. 8 anni dopo invece, si trova sempre in Svizzera e in questo lasso di tempo ha commesso numerosi crimini, fra cui alcuni violenti. Condannato, nuovamente, all'espulsione nel 2021, il 4 ottobre era sceso da un veicolo di detenzione davanti all'Ufficio della migrazione di Aarau (AG). L'uomo, 34 anni, è fuggito nonostante fosse scortato da un dipendente della Securitas.

Dieci giorni dopo è ancora latitante. La polizia lo sta cercando attivamente. Il tunisino è stato condannato nel 2021 a 27 mesi di carcere e 8 anni di espulsione dal tribunale di Olten (SO). Era stato arrestato per soggiorno illegale in territorio svizzero.

Secondo un'indagine del Blick, la richiesta di asilo del tunisino era stata respinta nel 2014. Questo dettaglio ha fatto drizzare le antenne alla consigliera nazionale dell'UDC Martina Bircher, responsabile degli affari sociali ad Aarburg (Canton Argovia): "È inaccettabile che sia ancora qui dopo otto anni. Soprattutto se ha commesso diversi reati".



Nel 2014, il richiedente l'asilo non solo non si era imbarcato sul suo volo di rimpatrio, ma ha anche commesso diversi reati a partire da giugno 2015, tra cui spaccio di droga e atti violenti . Fermato dalla polizia, è stato rilasciato ogni volta.

Secondo un ordine penale del 2 febbraio 2017, il tunisino ha inoltre commesso diversi reati contro la legge sugli stranieri e l'integrazione tra il luglio 2015 e il 18 ottobre 2016. Era stato quindi condannato a 40 giorni di reclusione.

A Olten, sarebbe stato arrestato undici volte dalla polizia tra il 2 aprile 2017 e il 24 aprile 2019 per aver violato i divieti perimetrali a lui assegnati. "Le autorità avrebbero dovuto dare subito l'allarme!", ritiene Martina Bircher.

Il 34enne ha commesso anche reati più gravi: avrebbe inflitto fratture al volto della sua ragazza e rotto due volte la mascella di una donna. Avrebbe anche picchiato diversi uomini.

Il 6 maggio 2019 è stato definitivamente incarcerato. Ma anche in carcere l'uomo non si è calmato, demolendo una cella a Olten e una a Soletta. In tribunale si è dichiarato innocente e ha portato la sentenza alla Corte Suprema, dove il procedimento è in corso. Ma anche se il Tribunale federale confermasse la sentenza, dovrebbe prima essere catturato prima di poter essere incarcerato.

Guarda anche 

Aumento record delle domande d'asilo nel 2023

La Segreteria di Stato della migrazione ha registrato un aumento significativo delle domande d’asilo nel 2023: 30’223 persone hanno chiesto asilo in Svizzera,...
16.02.2024
Svizzera

Pronta un'iniziativa per limitare le domande di asilo e ripristinare i controlli ai confini

L'UDC sta per lanciare un'iniziativa per ripristinare controlli sistematici ai confini svizzeri e limitare le domande di asilo. Secondo quanto riferiscono le test...
06.02.2024
Svizzera

Ha dato fuoco a auto di lusso per odio verso la Svizzera, dopo il carcere sarà espulso

Ha dato fuoco a auto di lusso per odio verso la Svizzera e ora dovrà lasciare un paese. L'autore, un cittadino polacco, il 29 marzo dello scorso anno aveva las...
04.02.2024
Svizzera

"Richiedenti l'asilo dipinti come vittime, il doppiopesismo della RSI"

La Lega dei Ticinesi, con un comunicato stampa, si scaglia contro un nuovo servizio della RSI. In questo caso a suscitare le critiche del movimento di Via Monte Boglia &e...
31.01.2024
Ticino

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto