Svizzera, 01 giugno 2022

La SECO vieta alla Danimarca di inviare carri svizzeri all'Ucraina

Dopo la Germania, anche la Danimarca si è vista vietare l'invio di materiale bellico all'Ucraina materiale bellico, tra cui circa 20 carri armati granatieri Piranha III. Poiché i veicoli sono di fabbricazione svizzera, il governo danese ha richiesto l'autorizzazione alla Segreteria di Stato per gli Affari Economici (SECO), richiesta che è stata rifiutata. La Svizzera, che vuole rimanere fedele al principio di neutralità, ritiene che tale consegna costituirebbe una violazione della Legge federale sul materiale bellico - che vieta, tra l'altro, l'esportazione di armi a Paesi in guerra.

Non è la prima volta che il principio di neutralità viene invocato per bloccare tali transazioni. Lo scorso aprile, il Dipartimento federale dell'economia, dell'istruzione e della
ricerca (DEFR) l'aveva già invocata per spiegare il suo rifiuto dopo una richiesta della Germania di consegnare munizioni svizzere per i carri armati tedeschi in Ucraina.

Tuttavia, la pressione dall'estero sta aumentando di fronte a questa posizione restrittiva. Al World Economic Forum (WEF), il vicecancelliere tedesco Robert Habeck ha ribadito di aspettarsi il "massimo sostegno" per l'Ucraina, affermando: "Dobbiamo misurare la nostra posizione rispetto alla realtà. Secondo il programma televisivo "Rundschau", il governo tedesco ha chiesto al Consiglio federale di revocare il divieto di esportazione di munizioni dalla Svizzera. Secondo le ricerche del programma svizzero-tedesco, il Consiglio federale deciderà sulla questione questa settimana o la prossima.

Guarda anche 

“Guardia alta sui permessi ucraini”

LUGANO - Non è tutto oro ciò che luccica. Sebbene sia la popolazione che le autorità ticinesi si sono dimostrate solidali e pronte (meglio di al...
28.07.2022
Ticino

Prima il covid, poi la guerra. Lei ucraina, lui canadese: marito e moglie non si vedono dal 2019

KIEV (Ucraina) – Una cosa da non credere. Una storia che ha dell’incredibile: marito e moglie separati da due anni e mezzo prima dal covid, poi dalla guerra. ...
14.07.2022
Magazine

"La Russia non ha ancora cominciato a fare sul serio"

La Russia non ha "ancora iniziato a fare sul serio" in Ucraina, dove sta conducendo un'importante offensiva militare dalla fine di febbraio, ha dichiarat...
08.07.2022
Mondo

Cassis annuncia 100 milioni di franchi di aiuti a favore dell'Ucraina

La Svizzera verserà fino a 100 milioni di franchi svizzeri all'Ucraina entro la fine del 2023, raddoppiando quindi gli aiuti finora promessi. Lo ha annuncia...
05.07.2022
Svizzera