Svizzera, 18 maggio 2022

Chiesto oltre mezzo miliardo per aiutare i genitori che collocano i figli all'asilo nido

In futuro potrebbe costare meno mandare i figli all'asilo nido o a servizi di doposcuola poichè potrebbero beneficiare di un sostegno finanziario da parte della Confederazione. Questo è perlomeno l'obiettivo di un progetto di legge volto a migliorare l'assistenza all'infanzia in Svizzera. Il disegno di legge, che è stato sottoposto a consultazione martedì e rimarrà in vigore fino al 7 settembre, è stato elaborato dalla Commissione dell'educazione del Consiglio nazionale.

La Commissione chiede che la Confederazione rimborsi tra il 10 e il 20% del costo medio di un posto di accudimento per bambini. A questo scopo è previsto un budget annuale di 530 milioni di franchi svizzeri, un sostegno che andrebbe a sommarsi ai contributi dei cantoni e dei comuni, compresi i contributi obbligatori dei datori di lavoro, si legge nella bozza. Il sostegno di base sarà del 10%, indipendentemente dalla situazione finanziaria dei genitori. Sarà dovuto per ogni bambino in un contesto istituzionale, dalla nascita fino alla fine della scuola dell'obbligo.

La commissione rileva che la Svizzera ha una valutazione
bassa "in termini di accessibilità, qualità e convenienza dei servizi di assistenza all'infanzia fuori casa per i bambini in età prescolare" a livello internazionale e si collocherebbe addirittura al 38esimo posto su 41 Paesi confrontati nell'ultima classifica dell'Unicef.

La Commissione ritiene pertanto che sia necessario intervenire ed è convinta che la Confederazione possa dare un contributo importante all'offerta di servizi di assistenza all'infanzia fuori casa in linea con le esigenze e allo sviluppo della politica di sviluppo della prima infanzia nei cantoni. Una minoranza si è invece opposta ritenendo invece che questo ambito debba essere di competenza dei Cantoni e dei Comuni.

La commissione vuole anche assistere allo sviluppo di una politica di assistenza all'infanzia fuori casa e di una politica per la prima infanzia. A tal fine, la Confederazione dovrebbe sostenere i Cantoni attraverso accordi di programma con un credito di 160 milioni di franchi svizzeri per un periodo di quattro anni. Un'attenzione particolare sarà riservata ai bambini con disabilità.

Guarda anche 

Voto elettronico, la Confederazione ci prova di nuovo

Il Consiglio federale ha deciso mercoledì di mettere in vigore un progetto di revisione parziale dell'Ordinanza sui diritti politici (ODP) in modo da introdurr...
27.05.2022
Svizzera

La Confederazione vuole spendere fino a 10 miliardi di franchi per evitare un "blackout devastante"

10 miliardi di franchi da mettere a disposizione delle principali aziende elettriche in modo da evitare un blackout "devastante" per l'economia svizzera....
19.05.2022
Svizzera

La Confederazione vuole tagliare l'aiuto sociale agli stranieri dei paesi non UE

Come parte di un progetto di revisione della legge sugli stranieri e l'integrazione, il Consiglio federale vuole ridurre l'assistenza sociale per i cittadini d...
29.04.2022
Svizzera

Al Consiglio Nazionale si torna a parlare di aiuti ai media

Due mesi dopo la bocciatura del pacchetto di aiuti ai media in votazione popolare, la Commissione delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale ha approvato, con 13 ...
06.04.2022
Svizzera